Incendio nel Salento, Castro torna a bruciare: macchia maditerranea in fumo

Incendio nel Salento, Castro torna a bruciare: macchia maditerranea in fumo
di Donato NUZZACI
3 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Agosto 2022, 18:27 - Ultimo aggiornamento: 18:33

Incendio nel Salento, Castro torna a bruciare: macchia mediterranea in fumo. Si alza il vento di tramontana e riprende la danza sincrona con le fiamme e le campagne. In poche ore, nel costone tra Castro e Santa Cesarea Terme sono andati in fumo a pomeriggio ettari ed ettari di macchia mediterranea, a poche centinaia di metri dalla nota discoteca Blubay, in una fascia di territorio ricadente per la maggior parte all’interno del Parco Otranto-Leuca. Il principio dell’incendio è stato segnalato intorno alle ore 13 e in una manciata di ore, il fuoco ha trasformato un’intera collina in una distesa completamente nera, ampia oltre 40 ettari.

L'intervento dei vigili del fuoco


A coordinare l’intervento di spegnimento - ancora in corso - è il Dos cioè il direttore delle operazioni, una figura che dirige il lavoro di spegnimento avvalendosi delle forze a terra e dei mezzi aerei. Sul posto sono intervenute numerose squadre di Vigili del Fuoco, di Arif ((agenzia regionale per le attività irrigue e forestali), volontari di Protezione Civile, e un canadair proveniente da Lamezia, che ha già effettuato una decina di lanci.

 

Appena pochi giorni fa un altro devastante incendio sempre nel Parco Otranto-Leuca, ha interessato la collina tra Tricase Porto e marina di Andrano nei pressi della torre del Sasso. Le fiamme hanno messo in pericolo l'incolumità dei residenti e i vigili del fuoco hanno dovuto evacuare alcune abitazioni alle porte della marina di Andrano. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA