In sommergibile a caccia della più antica immagine della volta celeste

In sommergibile a caccia della più antica immagine della volta celeste
Fra Torre Guaceto e Roca vecchia, a cavallo fra le province di Brindisi e di Lecce. E' là che i ricercatori della Landesamt für Denkmalpflege und Archäologie Sachsen-Anhalt di Halle, della soprintendenza tedesca e di quella di Brindisi, Lecce e Taranto stanno cercando il Disco di Nebra, la più antica raffigurazione del cielo, su lastra in bronzo con lamine d'oro.

«Si cerca il collegamento mancante - spiega François Bertemes, docente di archeologia preistorica alla Martin-Luther Universität di Halle - Sappiamo che le origini delle immagini, la rappresentazione dei fenomeni astronomici sul disco di Nebra sono in Egitto e in Mesopotamia. Ma non sappiamo in che modo questa informazione è arrivata in Europa».

Nei fondali compresi fra l'area marina protetta di Torre Guaceto e l'antica città di Roca, marina di Melendugno, è in azione SeaCat, un veicolo autonomo sottomarino. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 17 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento: 08:20