«Grattino anche nei festivi e d'estate dopo le 21»

Sabato 14 Novembre 2020 di Stefania DE CESARE

Strisce blu anche la domenica e i festivi, parcheggi a pagamento di notte in estate e aumento delle tariffe nella zona di viale dell'Università. Novità in arrivo per la viabilità cittadina. Il sistema della sosta, infatti, potrebbe presto subire delle modifiche in favore della vivibilità del centro storico.


A suggerire gli interventi per limitare l'assalto delle auto è Domenico Gattuso, l'ingegnere chiamato dal Comune per portare a termine la pianificazione delle strategie necessarie da inserire nel Piano urbano della Mobilità sostenibile. Terminato il primo incarico di indirizzo, Gattuso ha presentato ufficialmente gli studi elaborati in questi ultimi due anni di lavoro e che saranno il punto di partenza per il Pums. Palazzo Carafa ha rinnovato la fiducia al docente universitario calabrese che così come si legge nella delibera di Giunta - adesso avrà 12 mesi di tempo per completare il lavoro di redazione del Piano, con un incarico da circa 42mila euro. Il report prodotto dal professionista e dal suo team contiene una lista di dati e informazioni sulla mobilità cittadina e le sue criticità e una serie di interventi da mettere in campo, anche nel breve periodo, per migliorare la circolazione veicolare. E le novità più significative riguardano proprio il sistema della sosta. Così come riportato nel report di sintesi Attività di Pianificazione della Mobilità, secondo Gattuso sono tre le modifiche che l'amministrazione comunale dovrebbe adottare per decongestionare il traffico cittadino. La prima è l'estensione dell'attuale sistema di tariffazione anche alla domenica e ai giorni festivi al fine di ridurre fenomeni di congestionamento ed eccessivo traffico veicolare dovuti sia alla mancata rotazione degli stalli di sosta disponibili che all'afflusso consistente di veicoli privati con origine nel resto della provincia. Strisce blu a pagamento sette giorni su sette, quindi: un provvedimento già adottato dal governo Salvemini nel dicembre 2018 per favorire il turnover delle auto durante lo shopping natalizio ma che sollevò malumori tra i leccesi abituati a concedersi lunghe passeggiate senza la paura della multa. Tra le novità proposte, anche il prolungamento dell'orario di tariffazione nel periodo estivo considerata la rilevante presenza di persone anche a tarda ora con i conseguenti rischi di fenomeni congestivi del traffico. E quindi stop al parcheggio gratuito di notte durante l'estate.
A Lecce la tariffazione della sosta termina alle 21: una condizione non più sostenibile, almeno secondo l'ingegnere, soprattutto durante i mesi più caldi, quando il capoluogo salentino viene preso d'assalto dai turisti e la mancanza di un ricambio di parcheggi crea ingorghi lungo il perimetro del centro storico. Le modifiche proposte, però, non riguardano solo le modalità di sosta. Gattuso ha suggerito a Palazzo Carafa di incrementare le tariffe dei grattini nelle aree limitrofe alla Ztl in corrispondenza di viale dell'Università che attualmente sono tra le più basse nonostante siano localizzate immediatamente a ridosso del centro storico. A oggi il costo del parcheggio nella zona è di 60 centesimi ogni ora applicata tutti i giorni feriali dalle 9 alle 14 e dalle ore 16 alle 21. Tariffe ritenute ormai non adeguate per stalli a due passi dal cuore della città. Ed è proprio la zona San Pio a essere oggetto di più rivoluzioni. Come già anticipato, con il nuovo Piano della Sosta il Comune procederà con l'estensione delle strisce blu anche in zone dove non è prevista tariffazione. La sosta a pagamento si allargherà, così come suggerito anche da Gattuso, e arriverà laddove oggi ci sono strisce bianche. L'ampliamento riguarderà anche il quartiere San Pio che andrà ad aggiungersi ai numerosi punti intorno all'anello storico, come l'area di via Taranto e viale Università, l'ingresso di via Maglie, zona piazza Partigiani, zona stazione, quartiere Leuca, che diventeranno a pagamento.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA