Gallipoli, colata di asfalto allo scalo dei pescatori. Il web si indigna e anche Sgarbi. Il sindaco: «Occorre rimediare» - VIDEO

Venerdì 16 Luglio 2021

GALLIPOLI - Caos dopo la colata di asfalto sull’antico scalo dei pescatori, davanti al castello angioino, proprio all'ingresso del centro storico di Gallipoli. Il rifacimento del manto stradale (che era di asfalto ma ormai schiarito dal tempo e pieno di buche) è stato un pugno nell'occhio per turisti, residenti e a quanto persino per il sindaco della “Città bella”, Stefano Minerva, che sommerso da una valanga di commenti ha chiesto al suo ufficio tecnico di rimediare. Grida allo scandalo anche Vittorio Sgarbi, che ha visto nei lavori una replica di quanto accaduto a Roma, con la colata di asfalto sul lungotevere di Castel Sant’Angelo. «È un obbrobrio, un esempio di cosa può accadere quando scelte che spettano alla politica vengono fatte da apparati ai quali la politica non compete», ha commentato il critico e storico dell’arte sotto foto e filmati divenuti virali sul web e sulle chat. «Chiamerò il sindaco e gli dirò che ha avuto l’onestà di ammettere che non ne sapeva nulla».

Lo scandalo dell'asfalto non è esattamente un inedito, visto che il Comune non ha fatto altro che riparare il manto stradale esistente mettendolo in sicurezza. Ora, per rimediare, il nero verrà spazzolato per attenuare il colore scuro. In attesa che in futuro si possa pensare a un basolato che valorizzi l'area. 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 21 Luglio, 09:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA