Incendio nell'autosalone, c'è il dolo. Il sindaco: «Atto criminale, la comunità reagisca»

Incendio nell'autosalone, c'è il dolo. Il sindaco: «Atto criminale, la comunità reagisca»
3 Minuti di Lettura
Domenica 1 Maggio 2022, 10:23 - Ultimo aggiornamento: 2 Maggio, 14:28

È certamente di matrice dolosa l'incendio che sabato scorso ha interessato un autosalone in via Palma, a Galatone, riducendo in cenere ben 4 auto che erano esposte. Ne dà conferma il sindaco Flavio Filoni, che con un lungo sfogo condanna il gesto e lancia un forte messaggio contro l'omertà. L'incendio è stato domato da vigili del fuoco intervenuti con i carabinieri della stazione di Galatone e del Nucleo operativo radiomobile della compagnia di Gallipoli.

Scontro sulla provinciale, nove feriti: due sono gravi. C'è anche un ragazzino

Il lungo sfogo del sindaco e la condanna del gesto


«Ho appreso questa mattina - scrive il sindaco sui propri profili social -  che l'incendio verificatosi sabato notte, presso un autosalone della nostra città è stato di natura dolosa. Un atto criminale che condanno a nome di tutta la città. Oltre ad esprimere vicinanza a chi ha subito il vile gesto, credo che tutta la comunità debba reagire davanti a questi atti criminali, riferendo alle competenti autorità qualsiasi informazione utile ad identificare gli autori del vile gesto». 

Un invito rivolto a chiunque abbia visto o notato qualcosa di sospetto a parlare, un messaggio forte contro l'omertà di chi, per paura o timore di subire ritorsioni, abbassa la testa. «Purtroppo, in una comunità che cerca da tempo di costruire una cultura della legalità - prosegue amareggiato Filoni - c’è sempre chi con un gesto meschino sporca l’impegno e la perseveranza non solo della città, ma anche e soprattutto dell’operatore economico che decide di investire sul nostro territorio. Da Sindaco sono fortemente amareggiato e sono in contatto con le forze dell’ordine e con gli interessati per cercare di dare qualsiasi contributo utile a individuare gli autori di questo ignobile gesto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA