Cercavano di rubare in una villa: arrestati in due, il terzo complice scappa

Cercavano di rubare in una villa: arrestati in due, il terzo complice scappa
3 Minuti di Lettura
Lunedì 13 Giugno 2022, 13:34

Un 38enne salentino (ai domiciliari) e un 29enne di Bari (in carcere), con precedenti, sono stati arrestati per furto aggravato ieri dagli agenti del commissariato di Nardò dopo un inseguimento, sulla provinciale per Galatone. In due sono stati beccati, un terzo uomo è riuscito a scappare a piedi dopo aver abbandonato l'auto nelle campagne e ha fatto perdere le proprie tracce. 

La ricostruzione

Un ispettore di stanza allo stesso commissariato di Nardò, libero dal servizio, ha notato due persone armate di martello e piede di porco scavalcare la recinzione di una villa in agro del comune di Galatone. La presenza del poliziotto è stata notata subito dai due malintenzionati che sono stati costretti a cambiare i loro piani, infatti, si davano a precipitosa fuga a bordo di un’autovettura Fiat 500L di colore grigio, alla guida della quale li attendeva un terzo complice. In continuo contatto con la centrale operativa del Commissariato, l’ispettore segnalava l’accaduto e qualche minuto più tardi l’autovettura con i tre fuggitivi veniva individuata e bloccata, dopo un breve inseguimento, a circa 100 metri dall’ingresso del cimitero comunale di Galatone(LE) sito sulla S.P.19. Qui gli occupanti tentavano di guadagnare la fuga a piedi. Gli agenti intervenuti sono riusciti a bloccare due dei 3 soggetti; il terzo riusciva a scappare facendo perdere le proprie tracce.

In auto un martello e un piede di porco

I due giovani sono stati, quindi, accompagnati presso il Commissariato di Nardò dove, effettuati gli accertamenti del caso, venivano dichiarati in stato di arresto per tentato furto aggravato. Nel corso della perquisizione veicolare sono stati rinvenuti gli strumenti atti allo scasso, un martello di grandi dimensioni (mazza) ed un piede di porco, ed altro tra cui guanti da lavoro, cappellini con visiera e due passamontagna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA