Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Esami in presenza a Unisalento e nessuna deroga nel caso in cui lo studente è malato di covid

Esami in presenza a Unisalento e nessuna deroga nel caso in cui lo studente è malato di covid
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Aprile 2022, 19:05 - Ultimo aggiornamento: 7 Aprile, 08:15

Esami in presenza a Unisalento e nessuna deroga nel caso in cui lo studente è positivo al covid. La denuncia, chiedendo di adeguare il regolamento, arriva dal sindacato studentesco Link. Dalla fine dello stato d'emergenza non vi è possibilità di sostenere gli esami con la didattica a distanza, di conseguenza chi risulta positivo al covid rischia di saltare l'appello per questo, non potendo muoversi.

L'associazione studentesca


«In linea con ogni nostra rivendicazione, anche questa volta chiediamo alla nostra universitá la tutela indistinta dei diritti di tutte e tutti, garantendo pari opportunità a studenti, docenti e personale tecnico amministrativo - spiega Laura Perrone, coordinatrice di Link Lecce -. Chiediamo che l'universitá si prenda la responsabilità di predisporre delle misure transitorie adeguate rispetto allo stato del nostro territorio, cessando definitivamente questi giochi di potere dettati da rapporti verticistici e antidemocratici». La richiesta arriva anche in relazione al nuovo aumento dei contagi da metà marzo in poi, a una curva epidemica che oggi è in leggera discesa ma che comunque resta più alta rispetto a qualche settimana fa. E da Link sottolineano: «Questo accade solo nel nostro ateneo, a Foggia e Bari la situazione è diversa».

Il chiarimento dell'Università


Da Unisalento il chiarimento sulla norma, che non è locale, secondo quanto spiega il delegato all'offerta formativa, Attilio Pisanò. «La questione degli esami in presenza è una questione di responsabilità amministrativa, non politica. Vi è una norma ministeriale, contenuta nel Dm 6 del 2019, che prevede espressamente che gli esami vadano fatti in presenza, dinanzi a una commissione. La vigenza dello stato di emergenza ha consentito alle università di derogare a tante norme, tra cui quella appena ricordata. Terminato lo stato di emergenza i margini di manovra delle università sono molto stretti e comportano valutazioni di responsabilità amministrativa, potendo impattare sulla regolarità delle carriere degli studenti.
Le preoccupazioni delle rappresentanze sono comprensibili, ma va ricordato che l'Università del Salento è stata tra quelle che hanno affrontato l'emergenza covid con maggiore efficacia, sin dalla primavera 2020, non interrompendo mai le attività didattiche e garantendo sempre agli studenti di sostenere gli esami e di laurearsi, anche a distanza. Questo risultato è anche frutto di un dialogo sempre aperto con le rappresentanze studentesche per trovare le soluzioni più adatte alle esigenze degli studenti». Botta e risposta, strascichi dell'emergenza sanitaria anche in università.

© RIPRODUZIONE RISERVATA