Addio a Ernesto Abaterusso, per anni deputato e consigliere regionale

Addio a Ernesto Abaterusso, per anni deputato e consigliere regionale
5 Minuti di Lettura
Giovedì 17 Novembre 2022, 19:25 - Ultimo aggiornamento: 18 Novembre, 13:21

Si è spento oggi Ernesto Abaterusso, politico salentino, già deputato, consigliere provinciale e regionale e tra i fondatori di Articolo 1, volto storico della sinistra pugliese e italiana. Era nato a Patù il 18 febbraio 1956, si è spento a 66 anni in seguito a una malattia. 

La vita

Laureato in scienze politiche, è stato impegnato nella cooperazione agricola nel settore ortofrutticolo, olivicolo e tabacchicolo. Ha ricoperto il ruolo di consigliere della Provincia di Lecce dal 1985 al 1990 e dal 1990 al 1992, è stato sindaco di Patù dal 1988 al 1997. Nel '92 fu eletto alla Camera dei Deputati nel Pds e fu rieletto nel 1996 con l'Ulivo. Fino al 2001 è stato deputato ed è stato sempre membro della Commissione permanente all'Agricoltura.

Dal Pd ad Articolo 1

Nelle liste del Partito Democratico è stato eletto nel 2015 nel Consiglio regionale pugliese. Nel 2017, dopo il Referendum Costituzionale voluto da Renzi (allora segretario del Pd), contribuì a fondare con Massimo D'Alema Articolo 1, di cui è stato segretario regionale fino ad ora. Ha scritto un libro autobiografico: "Una sola passione".

Il cordoglio

"Con Ernesto Abaterusso se ne va un valoroso uomo della sinistra italiana, innamorato del mezzogiorno e della sua Puglia. Resta indelebile il lascito delle sue battaglie contro ogni prepotenza e orgogliosamente a difesa dei più deboli", dichiara Roberto Speranza, ex ministro e attuale parlamentare di Articolo 1. “Provo grande dispiacere ed esprimo vicinanza alla famiglia e sincero ed affettuoso cordoglio per la morte di Ernesto Abaterusso, al quale mi legava una profonda amicizia nata al liceo e continuata all’Universitá di Bologna. Era un uomo politico appassionato ed un uomo leale. Con la sua scomparsa il Capo di Leuca perde un riferimento davvero importante”, il ricordo di Rocco Palese, assessore regionale alla Sanità.

"Ernesto Abaterusso non ha fatto mai venir meno l’impegno appassionato anche nei momenti più difficili della malattia, contro la quale si è battuto con la stessa tenacia con cui affrontava le battaglie a difesa del territorio salentino e pugliese. La sua prematura scomparsa priva la comunità politica pugliese di un riferimento, di una figura combattiva che ha dato tanto al Salento. Un forte abbraccio a Gabriele e alla sua famiglia", scrive in una nota La Puglia in più.

Il ricordo di Stefano Minerva, presidente della Provincia di Lecce: "Con la scomparsa di Ernesto Abaterusso va via un pezzo di tanti di noi. Un politico vero, appassionato, difensore di una terra che anche attraverso il suo impegno ha saputo riscattarsi e aprirsi a nuovi orizzonti.. Se in ogni politico ci fosse un pò di Ernesto, la politica sarebbe migliore. Ernesto, proveremo ad attuare ciò che col tuo esempio ci hai insegnato.
Oggi sicuramente è una grave perdita per la sinistra italiana".

La nota di Sinistra Italiana Salento: "Ci ha lasciato Ernesto Abbaterusso, politico di lungo corso, ex consigliere regionale e dirigente di Articolo 1. Pur gravemente malato non ha mai smesso di fare politica e di proporre e progettare una qualche forma di unificazione delle sinistre per poter essere più efficaci nella soluzione dei problemi del territorio. A Gabriele e al resto della sua famiglia va un abbraccio forte da parte del segretario provinciale Danilo Scorrano, dell'assessora  Anna Grazia Maraschio e da tutte le compagne e  i compagni di Sinistra Italiana Salento.
Buon viaggio Ernesto".

«La scomparsa di Ernesto Abaterusso mi addolora profondamente, se ne va un compagno di tante battaglie per la Puglia, legatissimo alla sua terra e ai valori che hanno ispirato tutta la sua vita professionale e politica. Passione politica e concretezza delle azioni, difesa dei propri ideali e capacità di giocare in squadra per raggiungere obiettivi sempre orientati al bene comune, sono qualità che tutti gli riconoscevano. Ci mancherà. Alla moglie, ai figli Enrico e Gabriele, a tutti i suoi cari giunga la mia commossa vicinanza». Sono le parole di cordoglio del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano per la scomparsa di Ernesto Abaterusso, ex segretario regionale pugliese di Articolo 1, ex deutato ed ex consigliere regionale. 

Lino Luperti (Movimento Salento Regione): "Oggi è davvero una brutta giornata per l’intero Salento. Si è appena diffusa la notizia della morte di Ernesto Abaterusso. Ho avuto modo di interloquire in più occasioni con lui, sia nel suo ruolo di Presidente di Italia Navigando che come esponente politico della sinistra pugliese. Si poteva anche non essere d’accordo con le sue idee e le sue azioni, ma quello che mi ha sempre colpito di Ernesto era la sua caparbietà, la grande passione politica ed anche la capacità di ascolto. Nel periodo in cui ho ricoperto l’incarico assessorile al Comune di Brindisi ha lavorato da consigliere regionale per sostenere le nostre istanze ed ha difeso Brindisi come se fosse la sua Patù. Ha partecipato attivamente al dibattito politico fino all’ultimo ed è andato via da combattente e da sostenitore convinto delle sue idee. Un abbraccio fin lassù caro Ernesto. Che la terra ti sia lieve".

Messaggio di cordoglio anche da Paride Mazzotta (capogruppo in consiglio regionale di Forza Italia): “Esprimo un profondo cordoglio per la scomparsa dell’amico Ernesto Abaterusso, politico appassionato e persona perbene. A tutta la sua famiglia va la mia sentita vicinanza, nella certezza che non dimenticheremo l’impegno e la concretezza con cui ha interpretato sempre il suo percorso politico”.

"La figura di Ernesto Abaterusso ha avuto un ruolo centrale nella comunità politica pugliese: è stato un politico e un compagno che ha avuto a cuore la sua Regione per cui ha combattuto tante battaglie rimanendo costantemente accanto ai più deboli. Ci stringiamo alla famiglia, alle compagne e ai compagni della sua comunità politica, che oggi hanno perso un punto di riferimento" scrivono gli studenti dell'associazione Link.

© RIPRODUZIONE RISERVATA