Partorisce aiutata al telefono dall'operatore del 118

Partorisce aiutata al telefono dall'operatore del 118
1 Minuto di Lettura
Martedì 29 Ottobre 2019, 08:48 - Ultimo aggiornamento: 20:03
Le si rompono le acque ma non fa in tempo ad arrivare in ospedale per dare alla luce il suo bebé. E' successo questa notte a Guagnano: protagonista una mamma di 28 anni. La donna ha iniziato ad avere dei problemi e ha chiesto aiuto al 118 ma il bimbo che portava in grembo è venuto alla luce ancora prima che arrivasse l'ambulanza. Il parto è avvenuto in casa, con l'aiuto del marito e di una vicina di casa che si sono improvvisati ostetrici. E con l'operatore del 118 che guidava al telefono le operazioni fino all'arrivo dei sanitari.

All'arrivo dei sanitari il piccolo era già venuto alla luce ed è stato solo necessario tagliare il cordone ombelicale. Mamma e figlio sono stati trasportati in ospedale, al Vito Fazzi di Lecce, per accertamenti ma grazie al lavoro di squadra il piccolo Luca, nato di 3.100 kg, è venuto al mondo senza problemi.

Galatina, 21 bimbi nati in poche ore: è record
Evento unico a Lecce: due bimbi “nati con la camicia”

Determinante è stato infatti il ruolo dell'operatore del 118 che, oltre a mandare l'ambulanza, una volta capito che le contrazioni erano già in corso ha impartito le istruzioni del caso al marito della donna e alla vicina di casa.
© RIPRODUZIONE RISERVATA