Coronavirus, Lecce-Atalanta a porte aperte, rinviate solo 5 partite. Liverani furioso: «Scelte a vantaggio di alcune società»

Sabato 29 Febbraio 2020

«Credo che, come al solito, in Italia si prendano decisioni a vantaggio di chi vuole decidere i propri tempi: vengono prese decisioni senza senso e senza logica. Ritorna alla luce il lato oscuro del calcio che abbiamo provato a ripulire. Una decisione del genere tutela solo quelle quattro-cinque squadre che hanno interessi in gioco». Il tecnico giallorosso Fabio Liverani non le manda certo a dire e nel corso della conferenza stampa di oggi, a proposito della scelta della Lega di serie A di rinviare alcune partite e di far giocare invece Lecce-Atalanta a porte aperte, il suo commento è durissimo.

Coronavirus, passeggeri del volo low cost in quarantena: in 100 sono residenti nelle province salentine. Ecco dove

«Non riesco - ha detto - a trovare una linearità nelle decisioni che sono state prese. Le regole dovrebbero essere uguali per tutti, ma mi astengo dal commentare ulteriormente, altrimenti qualche permaloso potrebbe lamentarsi». Chiusa la parentesi polemica - che sui canali social sta montando, con critiche aperte e lamentele furiose da parte della tifoseria leccese e dei cittadini - Liverani ha chiarito che «la squadra sta bene, è normale che i giocatori abbiamo avuto bisogno di qualche giorno per superare la botta di Roma, che è stata brutta - ha ammesso il tecnico giallorosso -. I ragazzi hanno nel loro dna la voglia di mantenere questa categoria».

 

Ultimo aggiornamento: 1 Marzo, 13:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA