Omicidio del carabiniere, il presunto assassino chiede di lasciare il carcere. «E' incompatibile»

Omicidio del carabiniere, il presunto assassino chiede di lasciare il carcere. «E' incompatibile»
3 Minuti di Lettura
Martedì 15 Marzo 2022, 10:20

Michele Aportone, il presunto assassino del carabiniere in congedo Silvano Nestola, chiede di lasciare il carcere per incompatibilità. E' stato il giudice per le indagini preliminaria Sergio Tosi ad accogliere la richiesta presentata dall'avvocatessa Francesca Conte, che assiste Aportone, sulla base di una consulenza di parte. Secondo l'esperto il 71enne sarebbe affetto da una serie di patologie che necessitano l'assistenza domiciliare. La parola adesso spetta alla dottoressa Francesca Rucco che dovrà verificare la fondatezza dell'istanza presentata dalla legale di Aportone: in tal caso il 71enne lascerà il carcere di Borgo San Nicola e rientrerà a casa agli arresti domiciliari con l'applicazione del braccialetto elettronico. 

Omicidio dell'ex carabiniere: la Procura chiude le indagini sul padre della fidanzata, chiesta l'archviazione per la madre

Un mese fa la conclusione delle indagini preliminari

Resta indagato con l’accusa di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e dai motivi abbietti e futili l’imprenditore turistico Michele Aportone, 71 anni, di San Donaci, che con quelle contestazioni si trova recluso a Lecce nel carcere di Borgo San Nicola dal 24 novembre dell’anno scorso. Lo dice la chiusura dell’inchiesta sull’omicidio del maresciallo in congedo dei carabinieri Silvano Nestola, ammazzato a 46 anni con quattro colpi di fucile da caccia la sera del 3 maggio, attorno alle 21.50, nella sua Copertino sotto gli occhi del figlio di 11 anni. Nell’avviso di conclusione delle indagini a firma dei pubblici ministeri della Procura di Lecce, Paola Guglielmi ed Alberto Santacatterina, non compare invece il nome della moglie Rossella Manieri, 62 anni, originaria di Copertino, poiché per la sua posizione è stata chiesta l’archiviazione.

Omicidio del carabiniere ucciso accanto al figlio, il Riesame: «Così ha agito l’assassino»

© RIPRODUZIONE RISERVATA