Contratto scaduto a marzo: operatori sanitari senza lavoro chiedono stabilizzazione

Giovedì 12 Maggio 2022 di Attilio PALMA
Foto archivio

Chiedono di essere stabilizzati i 9 operatori socio sanitari che erano in servizio presso il penitenziario di Lecce. Il loro contratto è scaduto il 31 marzo scorso dopo aver svolto il lavoro durante il periodo della pandemia ed esattamente dal 21 maggio 2020. Ora, archiviata la fase di emergenza, si sentono abbandonati oltre ad essere rimasti disoccupati senza la salvaguardia della loro professionalità.

Medici, infermieri e operatori. Palese: ora 9.700 negli ospedali

«Abbiamo svolto - spiegano gli operatori socio-sanitari - le nostre mansioni al triage. Facevamo i controlli dei green pass, prestavamo servizio all'interno degli ambulatori specialistici. Dove c'era bisogno siamo stati utilizzati e noi abbiamo risposto presente. Ora è finita l'emergenza e noi non serviamo più».

Pnrr, sanità di prossimità in Puglia. La mappa dei progetti Palese: «Previsti altri fondi»

Tra l'altro, non ricevono lo stipendio dal dicembre dello scorso anno. «Siamo stati reclutati dalla Protezione Civile e pagati con i soldi dell'emergenza Covid. Dopo 22 mesi di servizio, il giusto riconoscimento per noi è un posto di lavoro stabile, cosa che in altre regioni è già avvenuto con la proroga del contratto se non addirittura con la stabilizzazione del rapporto di lavoro».

Ultimo aggiornamento: 13:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA