Ciclista travolto durante la gara, la procura apre un'inchiesta

Ciclista travolto durante la gara, la procura apre un'inchiesta
2 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Settembre 2022, 21:07 - Ultimo aggiornamento: 22:11

Ciclista morto durante la gara, c'è l'inchiesta per cercare di stabilire se la morte di Massimo Ferilli, 58 anni di Leuca, travolto l’altro ieri mattina da un’autovettura a Montemesola su un tratto di gara interdetto al transito potesse essere evitata. I carabinieri della stazione e della compagnia di Martina Franca ieri hanno consegnato al magistrato di turno, il pubblico ministero Enrico Bruschi, l’informativa contenente la ricostruzione dell’incidente con i nominativi delle persone identificate che hanno avuto parte attiva nella tragedia.


Oltre al nome del conducente della Fiat 500 X contro la quale è avvenuto l’impatto mortale, c’è anche quello dell’operatore dell’associazione di volontariato addetto alla vigilanza del varco attraverso il quale si è immessa l’utilitaria. Quasi certa quindi la loro iscrizione sul registro degli indagati quale atto dovuto ma anche per verificare i rispettivi ruoli e responsabilità nell’accaduto. Quello che è certo, è che quando la Fiat 500 transitava sulla provinciale 74, all’altezza del palazzetto dello sport di Montemesola luogo della tragedia, la coda dei ciclisti in gara per il trofeo Madonna della Fontana non era ancora passata del tutto, restava indietro lo sfortunato 58enne che sul tratto in discesa ha trovato l’inaspettato ostacolo mortale. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA