Cerca di sfondare la porta per introdursi in casa della ex: 32enne arrestato a Nardò

Cerca di sfondare la porta per introdursi in casa della ex: 32enne arrestato a Nardò
3 Minuti di Lettura
Venerdì 7 Ottobre 2022, 11:28

Un uomo di 32 anni, tunisino, è stato arrestato con l'accusa di maltrattamenti in famiglia dopo aver cercato di sfondare la porta di casa della ex fidanzata per introdursi nell'appartamento dove lei era barricata con la figlia di 5 anni. Entrambe erano terrorizzate e solo l'arrivo tempestivo dei poliziotti del commissariato di Nardò ha evitato il peggio.

L'allarme dei vicini

Prima è giunta una segnalazione che riferiva di un uomo, straniero, che si aggirava nelle vie del centro di Nardò in cerca della sua fidanzata, di 36 anni, con cui aveva avuto una lite nei giorni precedenti. Successivamente la stessa donna ha chiamato in Commissariato dopo il tentativo di sfondamento della porta. E, nonostante nei giorni precedenti avesse coperto le violenze, dopo l'ultimo episodio la donna ha deciso di denunciare, anche per tutelare la bambina. 

L'intervento dei poliziotti

All'arrivo della volante nell'abitazione della donna gli agenti hanno visto l'uomo che tentava di intrufolarsi all'interno dopo aver divelto alcuni listelli di un'imposta, ma, accortosi dell'arrivo della Polizia, è fuggito. Bloccato dagli agenti, il tunisino, in forte stato di alterazione fisica e con difficoltà nella deambulazione dovuta all'assunzione di alcoolici, ha continuato a pronunciare frasi minacciose e ingiurie all'indirizzo della ex-convivente. La donna, nonostante fosse scossa e spaventata, ha riferito agli agenti di aver subito violenze dall'uomo nei giorni precedenti, in presenza della figlia minore, e che una volta al Pronto Soccorso, per non creargli problemi con la legge, aveva affermato, nel verbale, di essere caduta con lo skate.

L'arresto

Il 32enne deve ora rispondere del reato di maltrattamenti. Il pubblico ministero di turno, della Procura della Repubblica di Lecce, ne ha disposto la restrizione nel carcere. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA