Aquila ferita da una fucilata: resterà cieca e non potrà più volare

Giovedì 28 Aprile 2022
Aquila cieca

"Lei è un'aquila minore arrivata al Cras (Centro recupero animali selvatici) di Calimera qualche giorno fa. Se notate qualcosa di strano nel suo sguardo, avete ragione: è cieca". Lo scrive sulla sua pagina facebook proprio il Cras, in un post in cui è raccontata la triste storia del meraviglioso rapace, che non potrà mai più volare.

Cucciolo di lupo investito (e impaurito): si era allontanato dal branco

Quattro pallini da caccia in testa

"La causa della sua cecità è da imputare a quattro pallini da caccia, conficcati nel cranio, che hanno danneggiato irrimediabilmente retina e nervo ottico, mentre altri pallini sono sparsi nel suo corpo. A noi non interessa sapere chi ha sparato, se un cacciatore, un bracconiere o semplicemente un idiota che imbracciava il fucile in quel momento. Quello che importa è che la caccia è terminata tre mesi fa e comunque le aquile minori sono animali protetti, proprietà indisponibile dello stato e un bene di tutti".

Lecce, cucciolo di lupo investito sulla San Cataldo-Frigole. Curato dal centro Cras di Calimera

Riesce a mangiare da sola

"Chi ha compiuto questo spregevole gesto - prosegue -  ha colpito tutti noi e condannato lei a una vita in cattività. Il suo formidabile istinto selvatico le ha permesso di mantenere la fierezza, infatti non si lascia imbeccare, ha imparato subito a cercare il cibo a terra e a mangiare da sola. Resterà con noi per tutta la sua vita, ma almeno avrà la sua indipendenza". Infine i ringraziamenti: al sindaco di Morciano di Leuca, Lorenzo Ricchiuto, per aver organizzato la staffetta e ad Umberto Fedele delle Guardie per l'Ambiente, per aver recuperato e trasportato l'aquila da noi. Con Enrica Calò.

 

 

Ultimo aggiornamento: 18:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA