Cade dal balcone al secondo piano, paura per una bambina di 4 anni

Cade dal balcone al secondo piano, paura per una bambina di 4 anni
Voleva raggiungere i cuginetti scesi nell’abitazione della zia per guardare in tv l’esibizione di un loro parente ad “Amici”, ma era rimasta inavvertitamente chiusa in casa al secondo piano. Così ha pensato di scavalcare la ringhiera del balcone, ma è precipitata nel terrazzino sottostante, finendo in gravi condizioni in ospedale.
Una bimba di appena 5 anni è caduta dal balcone della sua abitazione, finendo nel terrazzino sottostante della parente dopo un “volo” di oltre tre metri. La piccola e sfortunata protagonista è ricoverata nel reparto di Rianimazione del “Vito Fazzi” di Lecce, con prognosi riservata, a causa di un edema cerebrale: sebbene le sue condizioni siano gravi, non correrebbe - fortunatamente - alcun pericolo di vita.
Il drammatico incidente domestico si è verificato nel primo pomeriggio di ieri, quando erano circa le 14.15, nella parte retrostante di un condominio di via Alfonso Sozy Carafa, nel quartiere San Pio.

La bambina, stando a quanto ricostruito dai carabinieri, si trovava nella sua abitazione - al secondo piano dello stabile - insieme ad una sua zia e a tre cuginetti, in attesa che si esibisse un altro suo parente nel talent di Maria De Filippi. Esibizione attesa in famiglia, a tal punto da radunare tanti parenti davanti alla tv.
Giunto il momento così atteso ed invitata a scendere presso l’abitazione sottostante degli altri familiari, però, la bimba è rimasta indietro e - per sbaglio - chiusa in casa. La zia ha cercato di tranquillizzarla attraverso la porta, ma subito dopo vi è stato l’improvviso silenzio. Per nulla rassegnata al fatto di restare sola e di non poter guardare il cugino in tv, quindi, avrebbe avvicinato una sedia alla ringhiera del balcone e l’avrebbe scavalcata per poi precipitare nel terrazzo sottostante e sbattere violentemente la testa sul pavimento.

La drammatica scena si è svolta davanti ai tanti parenti riuniti per l’occasione e che, d’un tratto, si sono trovati a vivere un incubo ad occhi aperti. Fortuna ha voluto che tra di essi vi fosse un operatore del 118, riuscito a rianimarla in attesa dei soccorsi.
Lanciato l’allarme, in pochi minuti la zona è stata raggiunta da un’ambulanza del 118, che ha trasportato la bimba ferita – a sirene spiegate – alla volta del nosocomio cittadino, dove il mezzo di soccorso è rientrato con “codice rosso”. Dopo la grande paura, gli accertamenti clinici cui la piccola è stata sottoposta, Tac inclusa, hanno scongiurato conseguenze più gravi: data la sua giovanissima età e l’edema cerebrale riportato, in ogni caso, sarà tenuta sotto osservazione medica.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Lunedì 13 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 22:09