Guerra alle auto inquinanti, multe a raffica. Stop a un bus per i freni rotti

Martedì 28 Gennaio 2020
Guerra alle auto inquinanti: multe a raffica anche a Lecce con i controlli dei vigili urbani. Sette multe nel giro dei pochi giorni con sanzioni da 87 euro, ma siamo solo all'inizio. E a rischiare sono gli automobilisti che non rispettano gli obblighi di legge.  

La settimana scorsa hanno perso il via i controlli sui gas di scarico dei veicoli a benzina e diesel con l’utilizzo di opacimetro e analizzatore. Gli agenti di Polizia municipale hanno contestato la violazione dell’art. 71 cc. 1 e 6 comminando una sanzione di 87,00 € avendo l’opacimetro rilevato emissioni inquinanti eccessive rispetto ai valori limite indicati sulle rispettive carte di circolazione. A carico dei trasgressori anche l’obbligo di sottoporre i veicoli a revisione straordinaria, così come da segnalazione inviata all’Ufficio della Motorizzazione Civile con cui è stata coordinata l'azione di controllo.

Auto, ma non solo. Nel mirino sono finisi anche bus turistici, bus di linea urbana ed interregional e bus di noleggio con conducente per l'accertamento dei documenti abilitativi alla guida, dell'idoneità psico-fisica dei conducenti, del rispetto dei tempi di guida e dell’efficienza dei mezzi. In particolare lo scorso venerdì, l’ufficio mobile di controllo allestito in Piazzale Carmelo Bene (Foro Boario), ha sottoposto a verifica 13 bus. E ben 7 sono risultati irregolari.
Nello specifico sono stati contestati in 12 casi l’inefficienza dei dispositivi di equipaggiamento, come parabrezza lesionato e pedana per disabili non funzionante, in tre il superamento dei limiti di velocità, in due la mancanza di cassetta di soccorso e di estintori, in uno l’omesso inserimento della scheda del conducente con conseguente sospensione della patente e il pagamento immediato di una sanzione di 868,00 euro. In un caso, inoltre, gli agenti hanno sospeso dalla circolazione un bus impegnato nel trasporto di linea su una tratta per il Basso Salento,a causa dell’accertata rottura dei dischi dell'impianto frenante.

  © RIPRODUZIONE RISERVATA