Brindisi, positivo il comandante dei vigili: è di Squinzano. Sindaco Rossi in quarantena: tampone negativo. Lecce, positivo anche il direttore di Radiologia dell'ex Fazzi. Due nuovi casi nel Tarantino

Lunedì 16 Marzo 2020
Riccardo Rossi
BRINDISI - C'è anche il comandante della polizia locale Antonio Orefice nella lista dei contagiati a Brindisi. La notizia è stata confermata pochi minuti fa dal Comune. Orefice - originario di Squinzano, in provincia di Lecce -, nei giorni scorsi, è stato impegnatissimo insieme ai suoi uomini nella gestione dell'emergenza coronavirus a Brindisi. Già da venerdì, tuttavia, era a casa con la febbre. Solo nelle scorse ore è arrivata però la conferma della positività al coronavirus grazie al tampone effettuato.
Il sindaco Riccardo Rossi, che ha lavorato a stretto contatto con Orefice, è in autoquarantena, ma fortunatamente l'esito del tampone è negativo. Lo ha comunicato proprio il primo cittadino. «Ho appena avuto notizia che l’esito del mio tampone al Covid-19 è negativo. Ringrazio tutti per i tanti messaggi di sostegno per me e per il comandante Antonio Orefice. Resterò in quarantena per il bene di tutti. E invito tutti a farlo. Restate a casa! - ha scritto Rossi - Non possiamo fare altro per evitare il contagio. Dobbiamo essere tutti responsabili».


Nel frattempo, la Asl ha attivato l'indagine epidemiologica per ricostruire i contatti più stretti avuti dal comandante, in modo da mettere in quarantena tutte le persone a rischio. In mattinata, proprio il primo cittadino avava reso noti quattro nuovi casi di Covid - 19 nel capoluogo, per un totale di 6  che con il comandante diventano 7.
(Francesco Piccinin)
 


LECCE - Un caso positivo al coronavirus nella Radiologia della Cittadella della Salute di Lecce. A risultare positivo al tampone è il direttore Luigi Quarta. E' in corso la ricognizione sui contatti avuti dal dirigente, in ambito Asl e fuori, per avvisarli e metterli in quarantena. La conta dei sanitari infetti sale. I contagi più numerosi all’Ospedale di Copertino dove sono risultati positivi medici e infermieri, mentre a Lecce risultano contagiati due camici bianchi delle Malattie infettive del Vito Fazzi di Lecce.
(Maddalena Mongiò)

TARANTO - Salgono a due i medici curanti di Manduria contagiati dal coronavirus. Dopo il primo che domenica pomeriggio si era recato spontaneamente al pronto soccorso Giannuzzi per chiedere di essere sottoposto al tampone, un altro suo collega, anche lui medico di famiglia nella città messapica, è risultato positivo al test.
Entrambi si trovano ricoverati nel reparto di malattie infettive dell’ospedale Nord di Taranto. Le loro condizioni sarebbero stazionarie. La moglie del secondo contagiato sta inviando un messaggio nella chat dei pazienti del marito invitandoli a contattare la Asl.«Chi ha avuto contatti significativi con lui nelle ultime due settimane è pregato di chiamare la Asl». «Vi prego di non continuare a chiamare – continua la scritta - inviare Sms ai numeri privati, mi chiedete un impegno disumano e oltretutto impegnate le linee telefoniche che devono essere utilizzate per comunicazioni urgenti». Il secondo caso si è invece registrato a Lizzano.
(Nazareno Dinoi)

LEGGI ANCHE: Puglia, i contagi salgono a 320: solo oggi 72 i nuovi positivi. La foto della regione per classi di età, provincia e genere


  Ultimo aggiornamento: 17 Marzo, 15:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA