Bomba d'acqua, decine di negozi e uffici allagati. Interventi con le idrovore

Una pioggia battente per oltre un’ora, accompagnata da fulmini e grandine, ha paralizzato per l’intero pomeriggio di ieri il centro di Santa Cesarea Terme.

Allagate dalla “bomba d’acqua” una serie di attività commerciali situate in locali sottoposti rispetto al livello stradale in via Roma e alcuni uffici comunali, tra cui quello della Polizia Municipale, dell’Infopoint e della Proloco.
Ingenti i danni per dodici negozi e un bar, costretti a mandare al macero migliaia di euro di merce tra cui vestiti, orologi, gioielli e altri manufatti artigianali, e a correre ai ripari per pulire i propri spazi e depositi anche dal fango. 
 
 


Fuggi fuggi generale tra cittadini e turisti all’arrivo della violenta pioggia e chi è rimasto, tra proprietari e commessi, ha dovuto cercare di limitare i danni con ogni mezzo. Il livello dell’acqua ha raggiunto in diverse zone il mezzo metro, mentre in alcuni scantinati si è arrivati al metro e mezzo, tanto da costringere due squadre dei Vigili del fuoco e due del Coordinamento del volontariato di Protezione Civile Lecce, intervenute durante il nubifragio, a lavorare per quattro-cinque ore con l’ausilio di pompe idrovore per liberare le aree colpite dall’acquazzone.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 7 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 21:39