Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'autovelox sulla Lecce-Maglie rimane attivo: proroga del Comune

L'autovelox sulla Lecce-Maglie rimane attivo: proroga del Comune
3 Minuti di Lettura
Domenica 6 Febbraio 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 7 Febbraio, 07:24

L’autovelox di Melpignano sulla statale 16 Lecce–Maglie resta in funzione con la proroga del servizio autorizzata dall’amministrazione comunale guidata dalla sindaca Valentina Avantaggiato. Un provvedimento che arriva in continuità dei servizi di ausilio all’ufficio di Polizia locale per la rilevazione delle infrazioni al codice della strada e deciso nelle more dell’espletamento della procedura di gara, in applicazione del principio di continuità dell’azione amministrativa, così come chiarito dalla stessa prima cittadina. «Non c’è alcun intento di fare cassa. Con la delibera di Giunta attiviamo un percorso che, nel rispetto della legge, porterà al completamento degli iter pregressi e delle multe che la vecchia società dovrà ancora incassare. Dopo costruiremo il bando con gli uffici comunali facendo le valutazioni del caso. Procediamo, quindi, facendo un passo alla volta».

Nel 2019 un incasso di due milioni

Autovelox sulla statale 16 che nel 2019 aveva portato nelle casse del comune di Melpignano due milioni di euro di multe. Un dato che ha posizionato il piccolo centro salentino al terzo posto per valore assoluto e addirittura al primo, davanti Lecce e Gallipoli, per valore pro capite con 938,69 euro di introiti rapportati ai 2218 abitanti.

«Uno strumento per disciplinare il traffico»

«È uno strumento che disciplina il traffico - spiega la sindaca – autorizzato in quel tratto di strada dalla Prefettura di Lecce. Tuttavia dai 20mila euro degli anni passati le multe si sono dimezzate, ad esempio dalle 20mila dell’agosto 2020 siamo scesi a 8.900 nel 2021 – precisa Avantaggiato - grazie soprattutto all’intervento dell’amministrazione che ha voluto fermamente l’installazione di tre apposite segnaletiche luminose, per annunciare adeguatamente e regolare l’autovelox. Ora con il bando garantiamo pubblicità e trasparenza al sistema».

Nessuno spazio invece alle polemiche, che tuttavia non sono mancate nell’ultima campagna elettorale e in area Dem con lo scontro tra l’ex sindaco Ivan Stomeo e Sergio Blasi. «Non è una questione politica, tant’e che la delibera punta a facilitare il transito agli automobilisti. È pur vero che l’argomento è stato utilizzato in campagna elettorale, anche dall’ex sindaco, ma come non ho preso posizione allora – conclude la Avantaggiato - anche ora preferisco tenermi a distanza da queste logiche».

Nel passato annullate diverse multe

Postazioni autovelox installate nel gennaio 2019 e gestite dalla ditta Taltraff e che nel corso degli anni hanno portato alle proteste di numerosi cittadini con code giudiziarie partite dai ricorsi in Tribunale che hanno portato all’annullamento di diverse multe.
Sulla questione si registra inoltre la contrarietà, più volte ribadita anche in passato, del consigliere regionale de “La Puglia Domani”, Paolo Pagliaro. «Non solo le continue bocciature a suon di sentenze da parte dei giudici, ora anche il rischio di un contenzioso con la società alla quale era stato appaltato il servizio installazione e di rilevazione della velocità. Il famigerato autovelox che da anni sta mietendo vittime migliaia di incolpevoli automobilisti – aggiunge Pagliaro- continua ad essere al centro di numerose polemiche. La Giunta del comune di Melpignano ha ora diramato ulteriori indirizzi ai suoi uffici circa il corretto comportamento da seguire in sede di accertamento, ma questo non può bastare. L’unica cosa che si deve fare – conclude Pagliaro - è rimuovere le due trappole insistenti sulla strada, cessando così di vessare i cittadini con il solo scopo di fare cassa. In barba ad ogni regola, anche di buon senso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA