Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Auto rubate e rivendute a pezzi: due arresti per ricettazione a Maglie

Auto rubate e rivendute a pezzi: due arresti per ricettazione a Maglie
2 Minuti di Lettura
Giovedì 23 Giugno 2022, 16:00 - Ultimo aggiornamento: 24 Giugno, 08:31

Nelle prime ore del mattino i carabinieri della Compagnia di Maglie, in provincia di Lecce, hanno eseguito un'ordinanza con cui il gip del Tribunale del capoluogo salentino, su richiesta della Procura della Repubblica, ha disposto l'applicazione di due misure cautelari personali agli arresti domiciliari emesse nei confronti di altrettanti presunti responsabili in concorso tra loro di riciclaggio e ricettazione di autoveicoli ed autocarri rubati nel territorio regionale. Entrambi hanno precedenti.

Veicoli smontati e poi rivenduti a pezzi

I presunti malviventi, nell'ambito del territorio della Compagnia di Maglie, si sarebbero approvvigionati dei veicoli rubati, quindi li avrebbero smontati per poi rivenderne le parti meccaniche o di carrozzeria, oppure li avrebbero utilizzati per la riparazione di mezzi incidentati da mettere in vendita. La rilevanza del fenomeno può definirsi allarmante se si considera il numero dei furti di automezzi nell'ambito della regione Puglia.

Le indagini dei carabinieri

I carabinieri hanno eseguito il sequestro di parti di autoveicoli riconducibili a mezzi rubati nelle province di Bari e Lecce e in possesso degli arrestati. Le indagini sono state svolte dai carabinieri ricorrendo a vari strumenti investigativi: sequestri di parti meccaniche e di carrozzeria ricettate; acquisizione ed esame di documentazione varia; esame di persone informate sui fatti; tabulati e perizie telefoniche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA