Asfalto distrutto per costruire una rotonda, il bitume finisce “sotto terra”: «Il Comune intervenga, quelli sono rifiuti speciali»

Mercoledì 12 Febbraio 2020
Per fare la rotonda, è stato divelto l'asfalto. E per liberarsi del bitume ridotto in frantumi? Basta scavare e coprire tutto con la terra necessaria a realizzare la rotonda. O, almeno, così pare dalle foto scattate da alcuni cittadini a Casalabate, marina di Squinzano e Trepuzzi, nel Salento.

Copertoni, plastica e inciviltà: l'oasi delle Cesine trasformata in pattumiera
Tutela dell'ambiente, dicembre nero: scoperte altre 15 discariche abusive



La mole di rifiuti speciali, dunque, verrebbe usata per “riempire” la rotonda i cui lavori sono cominciati tre settimane fa e dovranno essere ultimati entro il prossimo marzo. A finanziare tutto, la Provincia, «che segue direttamente i lavori», come ha spiegato a Quotidiano l'assessore ai Lavori pubblici di Trepuzzi, Oronzo Valzano. Proprio Valzano ha ricevuto «molte segnalazioni su questo fatto» e giovedì mattina, 13 febbraio, incontrerà «il comandante dei vigili urbani e il direttore dei lavori che segue lo stato di avanzamento del cantiere per la realizzazione della rotonda» allo scopo di chiarire l'accaduto. 

Ultimo aggiornamento: 19:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA