«Non eri randagio, eri libero»: Aradeo saluta Valentino, il cane di quartiere volato sul ponte

«Non eri randagio, eri libero»: Aradeo saluta Valentino, il cane di quartiere volato sul ponte
3 Minuti di Lettura
Venerdì 10 Giugno 2022, 14:43 - Ultimo aggiornamento: 11 Giugno, 21:01

«Non eri randagio, eri libero». Tutta la comunità di Aradeo piange per la scomparsa di Valentino, il cane di quartiere, pelo bianco e occhi buoni, che non era di nessuno ma era un po' di tutti.

Valentino è morto per strada, dove ha sempre vissuto pur potendo contare sull'affetto (e sui croccantini) di centinaia di amici. Una carezza non gli è mai mancata, né un amico umano con cui giocare. Valentino è salito sul ponte, come si dice nel caso degli animali e, pur essendo un "senza fissa dimora", ha avuto una vita piena e ricca di amore.

I messaggi sui social

Lo dimostrano i messaggi e le foto che popolano le bachehe di Facebook dei cittadini di Aradeo. Tra tutti, quello della sindaca pro tempore Georgia Tramacere, che scrive: «Ti incontravo ogni mattina. Quasi a darmi il buongiorno. Cercavi riparo sotto al mio portico e quando arrivavo con la macchina, ti alzavi, quasi in segno di rispetto. Eri simbolo e mascotte per il paese e riuscivi sempre a strappare un sorriso. Eri della comunità e rimarrai sempre nei cuori di chiunque sia passato dal Teatro o dal Caffè del Teatro. Buon ponte Valentino».


Decine i cuori e i messaggi di addio per il cane di tutti. Sulla pagina "Notizie di Aradeo" è Claudia a dare l'annuncio: «Valentino - scrive - non era un cane randagio, senza padrone, Valentino era un cane libero con tutti che lo amavano e lo rispettavano. Come lo fu per Zara, salutata con tutti onori dal sindaco Luigi, con lui se ne va un altro piccolo pezzettino di cuore di Aradeo. Fai buon viaggio e anche da lassù tieni d'occhio i nostri ragazzi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA