Antiracket, sequestro di beni e denaro per 260 mila euro

Antiracket, sequestro di beni e denaro per 260 mila euro
La Guardia di Finanza di Lecce ha eseguito un sequestro preventivo di beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie per un valore complessivo pari a 260.000 euro, nei confronti di cinque società coinvolte nella indebita percezione di contributi pubblici, tra cui una destinataria anche di provvedimento di interdizione temporanea a contrattare con la Pubblica Amministrazione. 
Il provvedimento restrittivo, emesso dal Giudice per le indagini preliminari di Lecce, dott. Giovanni Gallo, su richiesta della locale Procura della Repubblica, Pubblici Ministeri dott.ssa Roberta Licci e dott. Massimiliano Carducci, è da ricondursi a più ampie indagini condotte dai Finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Lecce, che lo scorso mese di maggio  portarono all’arresto del presidente di una locale associazione antiracket ed antiusura e di suoi stretti collaboratori, i quali,  associandosi fra loro, avevano prodotto falsa documentazione finalizzata alla percezione indebita di contributi, erogati dall'Ufficio del Commissario Straordinario per le iniziative contro il racket e l’usura, per un importo pari ad oltre 2 milioni di euro.
Nell’operazione venivano complessivamente tratti in arresto 4 responsabili, notificati 36 avvisi di garanzia e sequestrati beni nella disponibilità degli indagati per un valore pari ai contributi indebitamente percepiti.
Successivamente, i militari delle Fiamme Gialle, avvalendosi delle disposizioni di cui al D.Lgs. 231/2001 (che ha introdotto, nel nostro ordinamento, la responsabilità in sede penale-amministrativa delle società in aggiunta a quella delle persone fisiche a cui viene imputato il reato), hanno richiesto all’Organo Magistratuale l’adozione di misure cautelari patrimoniali ed interdittive nei confronti delle cinque società, fornitrici dell’associazione indagata, le quali, per consentire la percezione di parte dei contributi erogati,  avevano emesso false fatturazioni afferenti lavori edili, prestazioni pubblicitarie e fornitura di articoli per ufficio. 
Le ulteriori indagini hanno evidenziato, a carico delle società coinvolte, evidenti responsabilità derivanti dalla mancata adozione di modelli organizzativi idonei a prevenire la commissione dei reati contestati ai rispettivi rappresentanti legali, consistenti nella emissione delle false fatturazioni e nella conseguente indebita percezione di parte dei contributi erogati, pari a circa 260.000 euro.
Il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Lecce, condividendo le proposte formulate, ha emesso un decreto di interdittivo e di sequestro in capo alle aziende coinvolte (di cui quattro aventi sede a Lecce ed una in Cellino San Marco), cui i militari del Nucleo di p.t. hanno dato esecuzione in data odierna, cautelando beni immobili, mobili e disponibilità finanziarie per un valore complessivo pari all’indebito profitto da ciascuna conseguito, notificando ad una di esse anche la misura interdittiva temporanea del divieto di contrattare con la pubblica amministrazione.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 6 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 11:08