Trovato morto il 43enne scomparso da tre giorni. Era all'interno di un camion compattatore

L azienda di Galatone che si occupa della raccolta dei cartoni
L’azienda di Galatone che si occupa della raccolta dei cartoni
di Rita DE BERNART
3 Minuti di Lettura
Lunedì 3 Gennaio 2022, 14:48 - Ultimo aggiornamento: 4 Gennaio, 20:52

Le verifiche sono servite a dare un'identità al corpo ritrovato all'interno di un camion compattatore che si trovava all’interno di un’azienda di Galatone che si occupa della raccolta dei cartoni. Si tratta di Andrea Ferrari, il 43enne scomparso tre giorni fa, il primo gennaio, da casa. Il corpo dell'uomo è stato trovato senza vita in un camion compattatore all'interno di un'area nella zona Galatone-Galatina dove si scaricano i rifiuti di cartone.

Nel primo pomeriggio l'auto di Ferrari era stata infatti ritrovata a Gallipoli nel parcheggio dell'Eurospin, proprio nella zona di raccolta rifiuti simili a quelli smaltiti dal compattatore. E' da lì che gli inquirenti hanno avviato le indagini partendo dal punto di ritrovamento dell’auto utilizzata per l’ultimo spostamento dalla sua abitazione di Taviano.

Secondo una prima ricostruzione degli investigatori, l'uomo si sarebbe introdotto nel vano per la raccolta di cartoni di un camion in dotazione al supermercato di Gallipoli dove la sua auto era parcheggiata. E poi il camion avrebbe sversato il carico nell'Ecocentro dove vengono trattati i rifiuti. Questa ipotesi sarebbe avvalorata dal fatto che l'uomo, secondo quanto emerso durante un comitato tecnico in prefettura, già in passato si era introdotto in un camion per la raccolta dei cartoni. Per questo gli investigatori hanno deciso di verificare se il 43enne l'avesse fatto ancora e hanno indirizzato le loro ricerche nella giusta direzione. I resti del corpo sono ora al vaglio del medico legale

Il ritrovamento dell'auto

La sparizione di Ferrari teneva da giorni la famiglia con il fiato sospeso ed è la seconda in pochi giorni nel Salento, dopo quella dell'infermiere di Nardò trovato cadavere sui fondali di Santa Caterina sei giorni dopo la scomparsa avvenuta nel giorno di Natale.

 

Al momento della scomparsa Ferrari indossava dei pantaloni verde militare, un maglione nero con fascia bordeaux e un paio di scarpe da ginnastica bianche e barba incolta. L'esito dei rilievi scientifici eseguiti dal medico legale ha dato la conferma: il corpo ritrovato è di Andrea Ferrari. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA