«Abusi edilizi»: sequestro al lido Zen di Baia Verde

Giovedì 27 Febbraio 2020
Il lido Zen di Gallipoli
I militari della Guardia costiera di Gallipoli stanno notificando in queste ore un decreto di sequestro preventivo firmato dal giudice per le indagini preliminari Michele Toriello per presunti abusi edilizi al lido Zen di Baia Verde, a Gallipoli. Dieci le persone iscritte nel registro degli indagati dal procuratore aggiunto Elsa Valeria Mignone: sono accusate dei reati di distruzione o deturpamento di bellezze naturali, lottizzazione abusiva, opere eseguite in assenza di autorizzazione o in difformità da essa, occupazione del demanio marittimo.

Ombrelloni segnaposto, sequestri e maximulta in spiaggia
Abusivismo, demolito il ristorante di fronte al mare. L'assessore: «Andremo avanti, ma servono fondi»

L'accusa riguarda interventi edilizi ritenuti non a norma, in particolare per quanto riguarda un «imponente manufatto destinato a chiosco-bar, laboratorio, deposito e servizio igienico, coperto da grande porticato con due scale in ferro, ed ancora altro manufatto adibito a servizi igienici-infermeria-docce, camminamenti e pedane», tutti su un'area sottoposta a vincolo idrogeologico. Ultimo aggiornamento: 13:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA