Villae Film Festival 2022, quando il cinema incontra l'arte a Villa Adriana e Villa d'Este

Dal 4 al 10 e dal 18 al 24 luglio ospitata nei suggestivi siti Patrimonio UNESCO

Villae Film Festival 2022, quando il cinema incontra l'arte a Villa Adriana e Villa d'Este
3 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Giugno 2022, 17:52 - Ultimo aggiornamento: 18:03

Il cinema, da sempre considerato una delle migliori espressioni d'arte, riesce ad essere ancora più suggestivo quando incontra l'arte stessa. Uno affascina, l'altra incanta e insieme dialogano per creare una delle forme più pure della “Bellezza”. Bellezza, che è anche il tema centrale della quarta edizione del “Villae Film Festival” in onda dal 4 al 10 e dal 18 al 24 luglio ospitata nei suggestivi siti Patrimonio UNESCO: Villa Adriana e Villa d'Este.

L'evento - diretto da Andrea Bruciati, alla guida dell'Istituto Villa Adriana e Villa d'Este a Tivoli dal 2017, con la consulenza artistica di Stefania Bianchi e Filippo Sordi e l'organizzazione dell'Associazione Culturale Seven – proporrà film che affrontano il grande tema della Bellezza - con un linguaggio finalizzato all'Arte - e analizzato in tutte le sue sfaccettature: la bellezza come sinonimo di meraviglia, come ossessione, bellezza splendente, bellezza negata, e perchè no, la bellezza anche fine a sé stessa. “Ci è sembrato opportuno mettere in risalto come la bellezza, che rappresenta il meglio della produzione artistica e spirituale, sembri essere la sola arma utile a salvare le nostre coscienze e a saziare i nostri desideri profondi» commenta il direttore artistico.

Come ogni anno, anche questo porta grandi novità. L'intento era quello di creare una proposta di contenuti che offrisse al pubblico un racconto alternativo del nostro tempo, ecco perché è stato realizzato un concorso dedicato a opere di videoarte. Una selezione di dodici contenuti diversi valutati da una giuria di qualità presieduta da Andrea Bruciati e composta da Matteo Bergamini, direttore della rivista Exibart, da Ilaria Ester Bonacossa, direttrice del MAD, da Cristiana Collu, direttrice della Galleria Nazione d'Arte Moderna e Contemporanea di Roma e da Massimiliano Tonelli, direttore editoriale della rivista Artribune. Ogni sera prima della proiezione del film verrà presentata un'opera della lista, quella che la giuria considererà la più adatta e la più coerente al tema del passaggio del millennio verrà attribuito il premio METAMORPHOSIS.

Un evento suddiviso in due luoghi per due programmi:

Si parte dalla suggestiva Villa Adriana, dal 4 al 10 luglio, con la proiezione di pellicole come “Morte a Venezia”, di Luchino Visconti, “Melancholia”, di Lars von Triers, “Il bell’Antonio”, di Mauro Bolognini, “L’uomo che vendette la sua pelle”, di Kaouther Ben Hania, “Lazzaro Felice”, di Alice Rorhwacher. La prima fase di proiezioni si concluderà con il tema della Bellezza conturbante dell'Infinito: sarà infatti proiettato - introdotto dal compositore di colonne sonore Paolo Vivaldi - “2001: ODISSEA NELLO SPAZIO” di Stanley Kubrick.

Le ultime proiezioni si sposterano dal 18 luglio nella Villa d’Este che ospiterà film che ricercano sempre il tema della Bellezza in ogni sua caratteristica come “La Donna Scimmia” di Marco Ferreri, “PINO. UN FILM SU PINO PASCALI”, di Walter Fasano, “Ritratto di Signora”, di Jane Champion, “The Arch”, di Alessandra Stefani, MANIFESTO, di Julian Rosefeldt, “Addio Mia Regina”, di Benoît Jacquot. E per concludere, “Teorema”, di Pier Paolo Pasolini che chiuderà il percorso del Villae Film Festival, domenica 24 luglio.

Villae Film Festival è un progetto del MiC – Ministero della Cultura e Villae Tivoli – Istituto Villa Adriana e Villa D’Este, iniziativa realizzata con il contributo della Direzione Generale Cinema del MiC e Regione Lazio, con il patrocinio del Comune di Tivoli e della Roma Lazio Film Commission. Ideazione e organizzazione dell’Associazione Culturale Seven.

© RIPRODUZIONE RISERVATA