Vaccini Covid, il Bambino Gesù: «Il 99% ha sviluppato anticorpi dopo la prima dose, il 100% dopo la seconda»

Giovedì 28 Gennaio 2021
Vaccini Covid, il Bambino Gesù: «Il 99% ha sviluppato anticorpi dopo la prima dose, il 100% dopo la seconda»

Un'ottima notizia dal fronte delle vaccinazioni contro il Covid. A diffonderla è l'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, che ha pubblicato i dati sull'immunità raggiunta dal personale sanitario a cui è stato somministrato il vaccino Pfizer.

 

Leggi anche > Covid, denunciato italiano positivo alla variante inglese: rientrato da Svizzera, viaggiava in treno e taxi

 

Vaccino Covid, i dati sugli anticorpi

A 21 giorni dalla somministrazione della prima dose del vaccino anti-Sars-CoV-2, il 99% dei vaccinati ha sviluppato anticorpi contro il virus. È quanto emerge dall'analisi e dal monitoraggio realizzati sul personale sanitario del Bambino Gesù di Roma. Ad oggi, nell'ospedale pediatrico la prima dose è stata data a quasi 3.000 operatori sanitari negativi (mai entrati in contatto col virus), la seconda dose a 1.425. Sette giorni dopo la seconda dose, gli anticorpi sono stati sviluppati dal 100% dei vaccinati valutati, con un titolo anticorpale di circa 1.000 volte superiore alla soglia di negatività, indice di elevato tasso di potenziale protezione.

 

Il monitoraggio sul personale vaccinato del Bambino Gesù

Il monitoraggio è stato realizzato tra gli operatori sanitari dell'Ospedale pediatrico Bambino Gesù dall'équipe della Medicina del Lavoro e della struttura complessa di Microbiologia, con il supporto dell'Immunologia clinica e il coordinamento della Direzione sanitaria. Il monitoraggio a 21 giorni dalla prima dose di vaccino Pfizer ha rilevato una risposta anticorpale positiva nel 99% dei vaccinati esaminati, con la produzione di una quantità di anticorpi specifici (titolo anticorpale) 50 volte superiore alla soglia di negatività. Sette giorni dopo la seconda dose, gli anticorpi sono stati sviluppati dal 100% dei vaccinati finora valutati.

 

Gli effetti positivi del vaccino

Positivi i dati anche sul fronte immunologico: a soli 7 giorni dalla prima somministrazione si è registrato un incremento delle cellule B di memoria (quelle che mantengono la produzione di anticorpi nel tempo) nell'80% dei casi e un incremento significativo delle cellule T di memoria (che coordinano l'intera risposta immunitaria contro il virus) nel 64% delle persone vaccinate. Risultati, spiega il Bambino Gesù, che sembrano supportare pienamente i dati epidemiologici: a partire dal 14/o giorno dalla prima dose, cioè successivamente alla comparsa degli anticorpi protettivi e della memoria immunitaria, finora non è stato infatti registrato alcun caso di infezione tra gli operatori sanitari vaccinati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA