Obbliga i figli di 6 e 8 anni a rasarsi la testa e farsi lo stemma della Juve: l'ex moglie lo denuncia

L'ex moglie ha denunciato l’episodio, dopo una serie di altri gravi maltrattamenti

Un gesto folle che ha portato alla separazione dalla moglie e alla denuncia: ecco i dettagli
Un gesto folle che ha portato alla separazione dalla moglie e alla denuncia: ecco i dettagli
3 Minuti di Lettura
Domenica 29 Maggio 2022, 21:51 - Ultimo aggiornamento: 22:24

Una gesto folle che va oltre i limiti della fede calcistica. È quanto successo ad un tifoso della Juve che ha obbligato i suoi figli di 6 e 8 anni a rasarsi a zero dal barbiere per disegnare sulla testa lo stemma bianconero. Sia i bambini che la moglie si sono opposti e, nel frattempo, la donna ha chiesto anche il divorzio. In realtà, questo è uno dei tanti violenti episodi dei quali il 45enne romano è protagnista, tanto che l'ex moglie l’ha denunciato per maltrattamenti in famiglia.

Leggi anche > Torino, imprenditore sequestrato e rapinato in villa: portati via denaro e lingotti d'oro

Come riporta la Stampa, i fatti risalgono all’anno scorso e, nonostante le liti per opporsi, l'uomo ha avuto la meglio imponendo la sua volontà. A nulla sono servite le preghiere dei bambini che, abitando a Roma, temevano di dover sopportare le prese in giro o forse anche qualcosa di peggio, da parte dei compagni di classe. L’uomo ha ordinato al barbiere di realizzare quel temporaneo tatuaggio, senza dover chiedere il permesso a nessuno.

Secondo la versione della moglie, che ha denunciato l’episodio come l’apice di un crescendo di maltrattamenti, l’uomo era diventato violento perché non avrebbe accettato la fine della relazione e avrebbe iniziato a insultarla, a minacciarla,  fino a maltrattare anche i figli. Il 45enne, ora indagato, sarebbe «andato fuori di testa» quando ha scoperto che la ex moglie, dopo la rottura, aveva iniziato un'altra relazione.

Il «tatuaggio» dello stemma della Juve è stato un atto troppo grave, che ha causato ai piccoli non pochi problemi di relazione con i compagni di scuola, e che ha indotto la donna a denunciare il marito. Ora la procura di Roma ha chiuso le indagini e il 45enne potrebbe essere rinviato a giudizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA