Roma, il tram 2 riparte dopo un anno di stop: la linea collega Piazza del Popolo a piazza Mancini

Gualtieri: «Rimettere in moto questa linea significa prima di tutto dare una maggiore garanzia di sicurezza per chi usa i mezzi pubblici»

Sabato 18 Dicembre 2021
Il sindaco di Roma Roberto Gualtieri e l'assessore Patané

Di nuovo attiva la linea tram 2 a Roma. Dopo oltre un anno di interruzione, per la sostituzione completa dei binari lungo il tracciato, la linea è rientrata in funzione nella mattinata di oggi. La tratta collega piazzale Flaminio-Piazza del Popolo a piazza Mancini, percorrendo via Flaminia-viale Tiziano, viale Pinturicchio e via Masaccio, connettendo gli importanti nodi di scambio di Flaminio e Mancini e i poli culturali dell'Auditorium e del Maxxi. Erano presenti alla riapertura della linea il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, l'assessore alla Mobilità Eugenio Patanè e la presidente del Municipio II Francesca Del Bello.

 

Leggi anche > Covid nel Lazio, il bollettino di oggi sabato 18 dicembre 2021: 2.409 nuovi casi (1.085 a Roma) e 6 morti

 

«In una fase come quella attuale, con i contagi da tenere sotto controllo, rimettere in moto questa linea significa prima di tutto dare una maggiore garanzia di sicurezza per chi usa i mezzi pubblici in questa zona. Quando è iniziato il lavoro della nostra Amministrazione - ha dichiarato Gualtieri - gli interventi sul trasporto pubblico, in moltissimi casi, erano bloccati oppure in ritardo rispetto ai bisogni reali». «Per il tram 2 la precedente Amministrazione - ha proseguito il sindaco - aveva dichiarato che i lavori sarebbero stati ultimati nel 2022, ma siamo riusciti ad imprimere una forte accelerazione. Ringrazio quindi Atac per l'impegno e la velocità con cui sono stati ultimati i lavori. Continueremo a lavorare senza sosta per cambiare le cose. Abbiamo già ampliato le risorse a disposizione dedicate al rinnovo dell'armamento tramviario, che rappresenta una priorità per migliorare la qualità e la sicurezza del trasporto pubblico di Roma. E proseguiremo il lavoro di progettazione di nuove tranvie che abbiamo subito avviato».

 

«Abbiamo concluso con grande celerità i lavori il 27 novembre scorso - ha dichiarato l'assessore alla Mobilità Eugenio Patanè - e nel frattempo abbiamo anche dovuto risolvere il problema sulla linea tramviaria del Verano, dove si era aperta una voragine che impediva ai tram di arrivare a Piazzale Flaminio per prendere servizio. Purtroppo - ha aggiunto l'assessore - anche la situazione dei tram che abbiamo ereditato è disastrosa: su 77 mezzi ne sono operativi 22, proprio perché se l'armamento non è a norma il tram si rompe, deve essere mandato in manutenzione per poi tornare su una linea che non essendo manutenuta lo danneggia nuovamente».

 

«Ci siamo attivati fin da subito - ha continuato Patané - per avviare tutti i processi di progettazione di tranvie e per utilizzare i finanziamenti a disposizione per avviare le manutenzioni, con l'obiettivo di garantire innovazione sulle linee, ma anche la sicurezza dei convogli e dei passeggeri. Va in questa direzione la delibera approvata giovedì scorso che dà il via libera ad uno stanziamento di quasi 20 milioni per interventi sugli armamenti tranviari. A queste risorse si aggiungono 8,5 milioni di euro già stanziati per chiudere i vecchi lotti di lavori e altri 37 milioni ottenuti dal Mims: in totale, dunque, abbiamo a disposizione 64 milioni di euro per intervenire sull'armamento e sul potenziamento della rete dei tram, con l'obiettivo di ridare alla città di Roma una qualità del ferro all'altezza di una moderna Capitale europea».

© RIPRODUZIONE RISERVATA