Roma, la denuncia su Facebook: «Brandine vuote in stazione, clochard fuori a terra e al gelo»

Sabato 5 Gennaio 2019
«Brandine vuote in stazione, clochard fuori a terra e al gelo»: la denuncia choc su Facebook
Una consigliera del Municipio II di Roma, Giovanna Maria Seddaiu, ha scritto un post-denuncia su Facebook in cui ha segnalato come all'interno di un'area protetta nella Stazione Tiburtina della Capitale, allestita per l'emergenza freddo, le brandine presenti fossero in realtà vuote, nonostante ci fossero tante persone fuori al gelo.

Meteo, Italia al gelo e neve al Sud: quanto durerà il freddo. Le previsioni per l'Epifania



Il post della Seddaiu è corredato anche da foto.
«Quelle che vedete sono brandine vuote dentro un'area protetta all'interno della Stazione Tiburtina, area allestita per l'emergenza freddo da Roma Capitale», scrive la consigliera. «Le ho scattate ieri notte dopo che per ore persone che dormono per strada e che erano state segnalate alla Sala Operativa Sociale dal #BaobabExperience chiedevano di entrare o comunque di sapere dove dovessero andare».



«Alle 23.45 ancora stavano fuori con le brandine vuote perché c'erano 'emergenze' e forse arrivava qualcuno a occuparle
- aggiunge -. Forse, mentre fuori c'era il certo. Il forse contro il certo. Ha vinto il forse, ma nel dubbio sono stati fatti entrare dopo la mezzanotte e fatti accomodare accanto all'area protetta, per terra, non sulle brandine, che sono rimaste vuote per tutta la notte». «Ci sarebbe da fare un lungo discorso sulla gestione delle emergenze in questa città, di come l'organizzazione sia complessa e poco pratica» e, conclude, forse, «troppo burocratica per doversi occupare di esseri umani» senza conoscere «le dinamiche di chi vive per strada, delle conseguenze, della povertà e della dignità della povertà»​.
Ultimo aggiornamento: 11:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA