Scuola, Roma inizia il 3 e 4 giugno a fare le prove tecniche per settembre: ecco i primi test salivari agli studenti più piccoli. Risultati lampo

Martedì 1 Giugno 2021 di Lorena Loiacono
alunni_scuola

Torna nelle scuole il test salivare, facile e indolore come masticare un chewing gum: decisamente a misura di bambino. 
È sufficiente raccogliere un campione di saliva per sapere, in giornata, se l’alunno è positivo: «A Roma era già stato fatto un tentativo nell’autunno scorso - spiega Pier Luigi Bartoletti, il coordinatore medico delle Uscar, le Unità mobili speciali di continuità assistenziale regionali - ma il sistema non ha retto, non eravamo pronti. Farlo adesso ci dà l’opportunità sia di individuare eventuali alunni positivi sia di testare l’organizzazione per settembre». 
PRONTI DOPO L’ESTATE Ora infatti ci si riprova, con un progetto pilota, per tenersi pronti alla partenza del prossimo anno scolastico con l’obiettivo di ottenere un tracciamento veloce. Il progetto coinvolge diverse scuole tra cui l’istituto comprensivo Matteo Ricci in via Cina, al Torrino, della Asl Roma 2 e i bambini dell’istituto comprensivo Giuseppe Bagnera, in zona Marconi nella Asl Roma 3, che ha tre plessi per la scuola elementare e uno per la scuola media. I bambini dell’Ic Bagnera testeranno il tampone salivare il 3 e 4 giugno: i genitori hanno aderito con un’autorizzazione e tutto avverrà nei locali della scuola. 
COME FUNZIONA Gli esperti delle Uscar si recheranno nelle scuole per prelevare i campioni di saliva che verranno poi portati al laboratorio di microbiologia del San Camillo. La saliva viene raccolta in due modi: il bambino che ne è capace può tenere in bocca una salivetta che contiene una spugnetta di ovatta per assorbire la saliva. La spugnetta può essere masticata o solo tenuta sotto la lingua, per circa 2-4 minuti. Oppure l’alunno può direttamente depositare la saliva, circa 1-2 ml, in un contenitore. 
REFERTI LAMPO I singoli campioni verranno sottoposti a test antigienico al San Camillo e, qualora risultassero dei positivi, verranno inviati al laboratorio di virologia dello Spallanzani per il test molecolare di conferma: entro le ore 21 le famiglie riceveranno un sms con l’esito e, nel caso di alunni positivi, lo Spallanzani contatterà i genitori. Tutto per far sì che, il giorno dopo, la classe sia stata già “avvisata”.

Ultimo aggiornamento: 2 Giugno, 12:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA