Sciopero generale 23 ottobre a Roma: disagi per trasporti, scuola sanità e uffici pubblici

Giovedì 22 Ottobre 2020
Sciopero generale 23 ottobre a Roma: disagi per trasporti, scuola sanità e uffici pubblici

Si prospetta un giorno nero a Roma per domani venerdì 23 ottobre, per via dello sciopero generale del sindacato CUB - Confederazione Unitaria di Base, che chiede lavoro tutelato e l’aumento di salari, diritti e welfare. Uno sciopero che investe tutti i settori, dai trasporti alla sanità, dagli uffici pubblici alla scuola e università.

Per quanto riguarda i trasporti sono previsti disagi su bus, treni e metro, ma anche per treni e aerei. Il servizio di bus, tram e metro e delle ferrovie Termini-Centocelle, Roma-Civitacastellana-Viterbo e Roma-Lido sarà regolare fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20 durante le due fasce di garanzia. Il personale ferroviario sciopera invece dalle 21 di questa sera alle 21 di venerdì sera, mentre il personale degli appalti ferroviari sciopera per l’intera giornata di domani. Si ferma anche il settore del trasporto aereo, compreso l’indotto, e anche i lavoratori di Alitalia.

Non solo trasporti però: anche i lavoratori della sanità pubblica e privata e del settore socio sanitario assistenziale si fermeranno. Gli eroi della prima ondata contro la pandemia di Covid chiedono infatti un «trattamento giusto, correttezza e dignità», si legge nella nota del sindacato. A rischio stop ci sono anche gli uffici pubblici e gli sportelli di Poste Italiane. Infine anche la scuola incrocia le braccia, con il sindacato che denuncia stipendi bassi e precariato tra i docenti: disagi in vista non solo per elementari, medie, superiori e università, ma anche per scuole materne e asili nido.

© RIPRODUZIONE RISERVATA