Roma, i residenti del Tiburtino III come a Scampia: rivolta contro due arresti, poliziotti aggrediti. Intervengono 20 Volanti

Martedì 18 Maggio 2021 di Emilio Orlando
tiburtino III_rivolta_polizia_scampia

Le periferie romane sono oramai polveriere sociali e con alta densità criminale, pronte ad esplodere. Come avvenuto a più riprese, in passato, nel quartiere napoletano di Scampia. La malavita sembra abbia preso il comando , grazie ai proventi del narcotraffico e al racket delle occupazioni abusive delle case popolari: così fomenta i residenti a scagliarsi contro le forze dell’ordine. E avviene anche a Roma che un quartiere sia in rivolta nei confronti polizia, per “salvare” una coppia di giovani dall’arresto. 

 

Roma, 64 incidenti stradali ogni giorno, domenica l'ultima vittima. Il primato di via Nomentana


È avvenuto al Tiburtino III, in via Debussy 29, una zona ad alta densità criminale, a ridosso della Tiburtina e poco distante dalla piazza di spaccio di San Basilio. Si è infatti concluso in un tumulto quello che doveva essere un intervento del reparto Volanti e del distretto di San Basilio, con gli agenti accorsi dopo la richiesta di soccorso di una madre che chiedeva per il figlio che stava dando in escandescenza. Grave e preoccupante il bilancio a fine intervento: 20 le volanti della Polizia intervenute per riportare l’ordine, 4 gli agenti feriti e contusi, una cinquantina gli abitanti scesi in strada che si sono scagliati contro i poliziotti, un ragazzo e una ragazza (Valerio Guerrieri di 19 anni e Consuelo Mazzotta di 18) finiti in manette ed un minorenne denunciato. 


Alla vista delle donne e degli uomini in divisa, i due giovani hanno iniziato ad inveire. In quel momento, dentro l’abitazione, si verificava una colluttazione tra i due ventenni e i poliziotti intervenuti, con la ragazza che, armata di una forbicina per unghie, feriva gli agenti. La concitazione dell’azione e le grida della giovane hanno attirato un folto gruppo  di residenti, che hanno accerchiato e aggredito gli altri due poliziotti rimasti fuori dall’alloggio. Poi l’arrivo dei rinforzi ha sedato la rivolta.
Nel 2019 un episodio analogo avvenne il via Corinaldo a San Basilio: alcune autoradio del commissariato vennero accerchiate da alcuni sodali del clan Marando, tra cui un malavitoso albanese. Qualche mese dopo, in via dell’Archeologia a Tor Bella Monaca, alcune autoradio della polizia vennero assalite da un gruppo di abitanti per evitare l’arresto di un gruppo di quattro spacciatori.

Ultimo aggiornamento: 10:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA