Roma, in attesa per ore al pronto soccorso: più contagi ma anche più pazienti normali, torna la pressione sugli ospedali

Venerdì 23 Luglio 2021 di Lorena Loiacono
folla_pronto soccorso

I contagi da Covid continuano a salire, cresce anche il rapporto tra positivi e tamponi. E nei pronto soccorso di Roma si fa fatica a trovare un letto per i ricoveri. Nei policlinici infatti non c’è solo l’allerta Covid, che si sta alzando anche a seguito dei festeggiamenti per gli Europei, ma anche le altre emergenze (come quelle legate al caldo) che stanno mettendo alla prova il sistema sanitario regionale. Basti pensare che nella tarda mattinata di ieri, alle 13, al policlinico di Tor Vergata erano presenti 115 pazienti e 30 erano in attesa di un ricovero o di un trasferimento: più di uno su 4, quindi, non aveva un letto.

 

Vaccini, l’appello di D’Amato: «Fatelo prima di partire per le vacanze»

 

Nello stesso orario al policlinico Gemelli erano in attesa 53 persone, quasi la metà delle 109 presenti. In quel momento, sempre considerando i maggiori punti di riferimento della sanità romana e laziale, al Policlinico Umberto I erano presenti 111 pazienti e ben 58 aspettavano un letto. La situazione nel pomeriggio non è cambiata: alle ore 17 sempre all’Umberto I erano presenti 119 pazienti e, di questi, 52 aspettavano un ricovero. All’ospedale Sandro Pertini c’erano 85 pazienti e, tra questi, 54 aspettavano un posto letto dopo aver effettuato la visita. 

 


Dopo i festeggiamenti per gli Europei che hanno invaso le piazze romane, ora si aggiunge anche la serata di festa per l’anniversario dell’As Roma: «Ogni assembramento è benzina nel motore del virus - ha detto l’assessore regionale alla sanità del Lazio, Alessio D’Amato - rivolgo un duplice appello al rispetto delle regole e alla vaccinazione. Non possiamo tornare indietro, non vanifichiamo gli sforzi fatti finora». Ieri sono stati registrati 792 nuovi casi covid, 176 in più del giorno precedente, con u rapporto positivi-tamponi pari al 7,5%: solo 24 ore prima era al 5,1%. Considerando anche i test antigenici il rapporto scende al 2,6%, comunque in aumento rispetto al 2% del giorno precedente.

Ultimo aggiornamento: 09:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA