Metro da incubo a Roma: preso il rapinatore seriale di Piramide, spaccio sgominato a Rebibbia

controlli_polizia_metro
controlli_polizia_metro
di Emilio Orlando
2 Minuti di Lettura
Martedì 8 Febbraio 2022, 07:51 - Ultimo aggiornamento: 9 Febbraio, 12:41

L’incubo viaggia in metro. Il malvivente adocchia le vittime già dai vagoni in corsa oppure attende alle fermate, per poi inseguire l’utente da rapinare e aggredirlo appena si presenta l’occasione propizia. 
Stazioni ferroviarie e metropolitane insicure nella Capitale, una specie di “eldorado” per la malavita di strada. Non a caso reati predatori come borseggi, scippi e rapine sono in costante aumento. Con il ritorno dei viaggiatori e dei pendolari dopo l’emergenza Covid che fa la propria parte. 
L’ultima rapina, quella di un malvivente che ha anche minacciato gli agenti intervenuti per arrestarlo alla fermata di Piramide: si tratta di un algerino di 46 anni che ha letteralmente terrorizzato i pendolari prima di essere portato in galera, 
Il bisogno crescente di sicurezza nei maggiori snodi per in trasporto è sotto lente della Prefettura e delle forze di polizia, che hanno collocato più uomini e mezzi per contrastare la criminalità attiva nelle stazioni. “Alto impatto”: così polizia e carabinieri e municipale, hanno battezzato i blitz anticrimine per ristabilire la legalità. Accanto alle grandi stazioni ferroviarie (Termini, Tiburtina e Ostiense) ora sono sotto la lente delle forze dell’ordine anche quelle di periferia. Proprio nel week end appena trascorso, la questura e il comando provinciale dei carabinieri hanno intensificato i controlli con un bilancio positivo. Durante i vari blitz (anche in base alle segnalazioni dei cittadini, che lamentavano la situazione di grave degrado a causa di gruppi di persone dedite all’abuso di sostanze alcoliche e molestie anche sessuali), sono stati messi a segno arresti, sequestri e denunce. 
I poliziotti del distretto di San Basilio, insieme all’ufficio generale soccorso pubblico di Massimo Improta e al reparto prevenzione crimine hanno controllato intorno alla metropolitana di Rebibbia 812 persone, smantellando un giro di spaccio di droga intorno a un minimarket e sequestrando due etti di cocaina e hashish: 3 arresti e 10 denunciati. Gli agenti del distretto del Casilino, diretti da Isea Ambroselli, hanno invece controllato le fermata della metropolitana di Grotte Celoni dove hanno effettuato centinaia di controlli anche nelle vicine attività commerciali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA