Ama-PianoFoglie a Roma, Benvenuti (FI): «Pericolo su strade e marciapiedi e incrementa Pm10»

Martedì 17 Novembre 2020
Davide Fracassi

Il Piano foglie dell’Ama non è mai partito quest’anno. I tappeti di foglie sui  marciapiedi e le strade lo dimostrano chiaramente, e rappresentano un costante pericolo per gli allagamenti non essendo disostruite neanche le caditoie. Lo abbiamo visto ieri con la pioggia, ed allo stesso tempo vi è un incremento del tasso di inquinamento nella città. Anche le foglie non raccolte assorbono il PM10, le polveri sottili che in questo modo proseguono ad essere respirate in modo diffuso dai cittadini, soprattutto dai bambini. 

 

Leggi anche > Inquinamento, morti 500 mila neonati in un anno

 

E’ il commento di Piergiorgio Benvenuti responsabile della Consulta Ambiente di Forza Italia a Roma e Presidente  del Movimento Ecologista Ecoitaliasolidale. «Da tempo stiamo sostenendo che la qualità dell'aria nella Capitale, al pari della gestione dei rifiuti e la manutenzione delle aree verdi è pessima, con un danno enorme sia di carattere ambientale che per la salute dei residenti e di chi vive e frequenta la città».

 

«Secondo il recente dossier Ecosistema urbano 2020  la Capitale è all’89esima posizione, in fondo alla classica per le scarse performance ambientali, peggio nel Lazio solo Latina al 98esimo posto. Ed i problemi con questa amministrazione guidata dalla Sindaca Raggi sono gli stessi, la gestione del ciclo dei rifiuti, il fallimentare trasporto pubblico che versa in condizioni disastrose, la presenza nell’aria di Biossido di Azoto (NO2) in eccesso, 43,5 microgrammi per metro cubo di aria, e su tale parametro Roma si attesta addirittura al quintultimo posto a livello nazionale».

 

«Chiediamo di procedere immediatamente –prosegue  Benvenuti - alla programmazione del tanto atteso Piano Foglie, fare chiarezza sul grado di inquinamento presente nella città, anche dopo la scorsa  “domenica ecologica”, per comprendere se effettivamente ha prodotto risultati per la qualità dell’aria o come sosteniamo solamente disagi e multe. Infine – conclude Benvenuti -  programmare per tempo un adeguato piano foglie contribuisce a garantire più sicurezza nelle strade, evitare incidenti e disagi, maggiore decoro per la città  ed ha anche un valore ambientale e collegato alla salute dei cittadini, facendo diminuire l’inquinamento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA