Roma, boom di gite scolastiche: hotel di nuovo pieni. Federalberghi: una sorpresa. Bene anche il ponte del 25 aprile

gite scolastiche_roma
gite scolastiche_roma
di Lorena Loiacono
2 Minuti di Lettura
Venerdì 22 Aprile 2022, 07:31

Il Colosseo e i Fori, San Pietro, il Campidoglio e il Vittoriano: sono i luoghi invasi da file di ragazzini in gita che, zaino in spalla e cappellino colorato in vista, stanno approfittando della ripresa dei viaggi di istruzione. Perché una gita a Roma, con la scuola, non si scorda mai: troppe le occasioni perse nei due anni di pandemia. 
STOP DIVIETI. Ma dal 1 aprile, non appena terminato lo stato di emergenza, le scuole hanno ripreso i loro viaggi di istruzione. E proprio in queste settimane dopo Pasqua si concentreranno decine di migliaia di arrivi. Basta fare una passeggiata: è tutto un vociare di ragazzini al seguito di maestre e professori. 


DALL’ESTERO. «Sono ancora pochi gli stranieri – spiega Giuseppe Roscioli, presidente di Federalberghi – purtroppo mancano all’appello soprattutto i giovani russi e quelli americani. Ma abbiamo molti più italiani. Stiamo tornando ai livelli del 2019, per il turismo scolastico. E, francamente, non ce lo aspettavamo. Prima di Pasqua, infatti, c’erano tante stanze libere che si sono poi riempite a ridosso della festa. Ormai si prenota all’ultimo minuto. Adesso i nostri alberghi sono pieni, in molte strutture anche oltre il 70%. È stato così a Pasqua e sta crescendo in vista del ponte del 25 aprile. Nota dolente, quel 13% di hotel che non hanno più riaperto, circa 180 su 1300. In questi casi vanno protetti i livelli occupazionali, anche se abbiamo un cauto ottimismo». 
CONVENZIONE. Il turismo scolastico sta quindi riavviando un settore che, più di tutti, ha sofferto durante la pandemia e potrebbe continuare a sostenere la ripartenza: «Con Federalberghi – spiega Alessandro Onorato, assessore al turismo, allo sport e agli eventi di Roma Capitale – stiamo attivando dei prezzi convenzionati per attirare il turismo scolastico soprattutto nei periodi dell’anno di bassa stagione. Per Roma le visite culturali hanno un alto valore: la città ha strutture capaci di ospitare un mercato importante come quello giovanile e scolastico. La situazione sta migliorando: gli indicatori sono ottimi, ce ne accorgiamo dalle App utilizzate e dal numero sempre crescente di post prodotti sui luoghi più belli di Roma».

© RIPRODUZIONE RISERVATA