Roma, entra nel locale ubriaco e molesta i clienti: il figlio 18enne del titolare lo colpisce con un pugno e muore

L'uomo di 58 anni pretendeva che gli fosse servito da bere. Dopo il colpo sferrato è caduto a terra battendo la testa. Arrestato il giovane per omicidio preterintenzionale

Venerdì 1 Ottobre 2021
Roma, entra nel locale ubriaco e molesta i clienti: il figlio 18enne del titolare lo colpisce con un pugno e muore

Ubriaco entra in un bar e molesta i clienti, il figlio del titolare lo colpisce con un pugno e muore. L'uomo è caduto a terra, sbattendo la testa, ed è stato subito portato in ospedale, dove è deceduto poco dopo.

 

Leggi anche > Libero de Rienzo è morto per un'overdose di eroina: rischio processo per il pusher che gli ha venduto la droga

 

Era appena entrato in un bar-kebab a Roma, in via Tiburtina, dove sembra che stesse molestando alcuni clienti. L'uomo, 58 anni, già ubriaco, pretendeva che gli servissero altri alcolici quando il figlio del proprietario del locale, 18enne, è intervenuto colpendolo con un pugno.

 

Il cliente, in evidente difficoltà a causa dell'alcol ingerito, è caduto a terra, sbattendo la testa. I soccorsi sono subito intervenuti ed è stato portato in ospedale, ma dopo poco è morto. La polizia ha arrestato il giovane per omicidio preterintenzionale. 

Ultimo aggiornamento: 2 Ottobre, 08:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA