Roma, presa la banda dei "dirottatori di bus": schiaffeggiati autisti Atac e passeggeri

bus_atac
bus_atac
di Emilio Orlando
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 8 Giugno 2022, 07:49

Assaltavano gli autobus, come i briganti facevano con le diligenze nel vecchio West. Tra gli autisti dei mezzi pubblici notturni erano conosciuti come l’ ”Arancia Meccanica” dei bus. Due le incursioni finora venute alla luce, che la banda ha messo a segno nel giro di poche ore nella zona di Selva Candida a bordo dei mezzi Atac.
 Agivano con lo stesso lo modus operandi. Salivavano in piena notte sul mezzo senza mascherina, e quando l’autista li invitava ad indossare la protezione per il Covid, si scatenava l’inferno davanti ai passeggeri terrorizzati, che venivano sequestrati schiaffeggiati, rapinati insieme agli autisti e questi ultimi costretti a deviare il percorso della corsa. Una notte di terrore durata venti interminabili minuti, quella vissuta dal conducente che è riuscito a chiamare la polizia. L’incubo per l’uomo è cominciato alla fermata di via Don Carlo Gnocchi all’altezza di Bocce, quando tre persone sono salite sul mezzo. «Erano tutti senza mascherina - ha raccontato il dipendente dell’Atac ai poliziotti. Quando gli ho chiesto di indossarla, uno di loro ha preso a schiaffi un passeggero poi si sono avvicinati verso di me hanno voluto che gli consegnassi il portafogli con 20 euro». Ma le richieste della gang si sono fatte più minacciose quando hanno preteso anche il telefono cellulare. Al rifiuto, uno dei componenti del gruppo ha preso un estintore e lo ha utilizzato per danneggiare il bus. 
Gli agenti del distretto di polizia di Primavalle, hanno cominciato ad indagare visionando anche le telecamere di sorveglianza e li hanno identificati. Ieri mattina sono scattate le manette ai polsi per il ventinovenne polacco Justyn Zyra e per i due cittadini romeni Florin Giani Ticu di 19 anni e Costin Narcis Barabasa di 22. Per tutti le accuse vanno dalla rapina, al sequestro di persona al danneggiamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA