Roma: anziano adescato e derubato, poi l'estorsione. Arrestata una coppia. Lei romena, lui del Gambia

In manette una 30enne romena e un 25enne gambiano

Roma: anziano adescato e derubato, poi l'estorsione. Arrestata una coppia
Roma: anziano adescato e derubato, poi l'estorsione. Arrestata una coppia
2 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Giugno 2022, 11:07 - Ultimo aggiornamento: 3 Giugno, 13:53

Aveva conquistato la fiducia di un anziano, arrivando perfino a farsi ospitare in casa. Poi gli aveva rubato il cellulare, chiedendogli soldi per la restituzione. Alla fine, però, una 30enne romena è stata arrestata insieme al compagno, un 25enne gambiano. È accaduto a Roma, nella periferia Est.

Leggi anche > Roma, il cuoco di San Lorenzo che ha sventato uno stupro: «Minacciava la ragazza con un cacciavite»

Tutto era iniziato dieci giorni fa, quando un 73enne aveva deciso di ospitare a casa sua una 25enne romena. Il giorno successivo, la giovane gli aveva chiesto di accompagnarla in macchina nella zona di Grotte Celoni. Poco prima dell'arrivo, la 30enne, con una scusa, si era fatta consegnare il cellulare, rifiutandosi però di restituirlo e, dopo aver contattato l'anziano su un'altra utenza, aveva preteso 100 euro, da consegnare ad un barista specificando che quei soldi erano per lei.

Nonostante l'anziano avesse seguito tutte le indicazioni, il cellulare non gli era stato riconsegnato, anzi gli era stata fatta un'ulteriore richiesta di 100 euro e, a quel punto, aveva deciso di denunciare il fatto. D'accordo con gli investigatori ha così dato un appuntamento alla donna per il pomeriggio stesso. Seguito a vista dai poliziotti è andato nel luogo prestabilito dove ha trovato, insieme a lei, anche un ragazzo del Gambia. Quando la vittima ha consegnato i soldi alla ragazza, lei li ha dati al 25enne che ha estratto dalla tasca dei pantaloni il cellulare restituendolo al proprietario. A quel punto gli agenti sono intervenuti arrestando entrambi gli indagati: gli arresti sono stati convalidati da Gip presso il Tribunale di Roma che ha successivamente disposto la misura cautelare dell'obbligo di firma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA