Roma, aggredivano e rapinavano coetanei: due adolescenti arrestati e portati in comunità

Giovedì 8 Ottobre 2020
Roma, aggredivano e rapinavano coetanei: due adolescenti arrestati e portati in comunità

Erano diventati il terrore dei loro coetanei, nel quartiere dell'Eur, a Roma. Due ragazzi di 17 e 18 anni sono stati arrestati dai carabinieri con l'accusa di aver aggredito e rapinato altri adolescenti.

 

Leggi anche > Roma choc, crolla ponte ciclo-pedonale sulla Laurentina: era stato urtato da un camion in manovra

 

L'indagine, condotta dai carabinieri dell'Eur, coordinati dalla Procura per i minorenni, ha portato al fermo dei due ragazzi, per i quali il gip del Tribunale per i minorenni di Roma ha emesso un'ordinanza che dispone la custodia cautelare del collocamento in comunità di 2 ragazzi romani di 17 e 18 anni (quest'ultimo minorenne all'epoca dei fatti), con precedenti per reati contro la persona e il patrimonio e resistenza a pubblico ufficiale.


I giovani sono accusati di aver messo a segno, a luglio dello scorso anno, una rapina a un ragazzo di 20 anni che si trovava con la sua comitiva. Nello stesso provvedimento, inoltre, al 18enne viene contestata anche un'altra rapina con lesioni commessa a distanza di qualche giorno dalla precedente, ai danni di un 20enne, sul Lungomare di Ostia. L'attività di oggi scaturisce da un'altra operazione dell'anno scorso in cui i giovani vennero arrestati perché ritenuti autori di un grave pestaggio avvenuto ai danni di minorenni. Durante l'esecuzione della misura cautelare i carabinieri trovarono nelle loro disponibilità due cellulari e proprio grazie agli accertamenti tecnici eseguiti sui telefoni è stato possibile risalire alle due rapine.

Ultimo aggiornamento: 15:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA