Roma, Acea parteciperà alla gara per il termovalorizzatore. Annuncio dell'Ad, Gola: siamo il candidato naturale

termovalorizzatore_roma_acea
termovalorizzatore_roma_acea
di Lorena Loiacono
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 11 Maggio 2022, 22:22 - Ultimo aggiornamento: 13 Maggio, 13:26

Acea parteciperà alla gara e alla costruzione del termovalorizzatore di Roma, annunciato dal sindaco Gualtieri. La decisione del Campidoglio per la realizzazione dell’impianto è stata presa per affrontare l’emergenza rifiuti in cui, da anni ormai, la Capitale rischia di affondare, nonostante la notevole spesa sostenuta per portare i rifiuti fuori dall’Urbe.


Non sono mancate le polemiche, soprattutto da parte del M5s, ma il Comune ha assicurato che si tratterà di un impianto di termovalorizzazione “con un impatto ambientale sostanzialmente nullo”. Potrà garantire 600mila tonnellate annue e consentirà di chiudere il Tmb, vale a dire il trattamento meccanico biologico, di Rocca Cencia. In questo modo sarà possibile abbattere del 90% l’attuale necessità di discariche, arrivando così a dover realizzare solo una piccola discarica di servizio da 60mila tonnellate annue. In Italia ci sono 37 inceneritori, tutti in grado di recuperare energia. 


In Consiglio dei ministri Gualtieri sostanzialmente ha avuto il via libera da parte del Governo, ottenendo di poter esercitare le funzioni della Regione in materia di rifiuti e quindi anche per quel che riguarda l’adozione del piano rifiuti di Roma Capitale: il suo progetto va dunque avanti. 


E allora, adesso, si pensa alla gara per la realizzazione del termovalorizzatore. Ieri infatti l’Ad di Acea, Giuseppe Gola, ha annunciato la volontà di candidare l’azienda per la realizzazione dell’impianto: «È un progetto molto importante, riteniamo questa soluzione valida per il trattamento dei rifiuti prodotti dalla città di Roma, Acea è il candidato naturale per la realizzazione e gestione. Lavoreremo a questo progetto e il Comune assegnerà i lavori seguendo la normale procedura di evidenza pubblica a cui parteciperemo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA