Roma, giovanissimi ai biliardi e pregiudicati al bancone del bar nonostante i divieti. Chiuso un circolo ricreativo a San Basilio

Venerdì 23 Aprile 2021 di Emilio Orlando
Il circolo ricreativo di San Basilio chiuso dalla polizia

Pregiudicati e minorenni ai tavoli da gioco e al biliardo nonostante i divieti imposti dalle norme per arginare la pandemia. Quando i poliziotti hanno fatto irruzione dentro al circolo ricreativo C.S.D. San Basilio, di via Morrovalle 174 a Roma, non credevano ai loro occhi. Nonostante l'obbligo di tenere chiusi i circoli sportivi ed il divieto di utilizzare i biliardi ed ogni tipo di intrattenimento, al biliardo e al bancone del bar c'erano una ventina di persone che, in barba alle normative anti Covid, si comportavano come se nulla fosse. Senza mascherina e con la solita aria di sfida nei confronti delle forze dell'ordine continuavano imperterriti a giocare a “stecca” e biliardino.

 

Colleferro, i due ragazzi indagati per l'aggressione del 17enne ai domiciliari: «Fermo illegittimo»

 

 

Bar a Ottavia “quartier generale” dei narcos organizzati su WhatsApp. Maxi sequestro della polizia di Primavalle

 

Tra loro molti minorenni e pregiudicati, molti dei quali componenti della “banda delle Smart” tutti impiegati come pusher e cavallini nella filiera dello spaccio nel quartiere gestito dai clan. Gli agenti, con le unità cinofile ed i mezzi di rinforzo, hanno sanzionato tutti i presenti ed hanno notificato al presidente dell'associazione culturale che permetteva la presenza di avventori all'interno nonostante i divieti, la chiusura di cinque giorni. Molte erano state in passato le segnalazioni alle forze dell' ordine di alcuni residenti che lamentavano la fitta presenza di ragazzini nel locale che non rispettava la chiusura. Il quartiere ha tirato un sospiro di sollievo quando si è diffusa la notizia della chiusura del circolo.

Ultimo aggiornamento: 21:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento