Ostia, la mamma del bimbo di 3 anni messo in vendita dal papà: «Non sapevo nulla, mi aveva detto che sarebbe tornato presto»

Mercoledì 29 Luglio 2020
«Non sospettavo nulla». Sono queste le parole della mamma del bambino di 3 anni di Ostia che il papà di etnia rom ha provato a vendere a dei bagnanti in spiaggia qualche giorno fa. L'uomo è stato fermato dalla polizia e arrestato, il bimbo si trova in ospedale affidato ai servizi sociali senza che la donna lo abbia ancora visto.

Leggi anche > Ostia, sotto choc il bambino "in vendita" in spiaggia dal padre: «Denutrito e sporco non parla con nessuno»

La mamma del piccolo ha 18 anni e un altro figlio neonato. Interrogata dagli inquirenti, come riporta Il Messaggero, si sfoga: «Non ho mai sospettato nulla, non immaginavo le sue intenzioni, sono usciti altre volte da soli». La giovane donna non ha potuto vedere il figlio affidato a un tutore dal Tribunale dei minori ed è sotto osservazione per capire se in passato ha già subito abusi.

La 18enne, anche lei di origine rom, era rimsata a casa, ad Ardea, in un comprensorio in cui vivono diverse altre famiglie rom e bosniache caratterizzato dal degrado, con lei c'erano la mamma e la sorella insieme al neonato. «Mi aveva detto che avrebbe portato il bambino a fare una passeggiata e che sarebbe tornato presto. Invece ha cercato di vendere nostro figlio», ha aggiunto chiedendo di vedere il bimbo. Per ora però il bambino resta in ospedale accudito da medici e psicologi, mentre il padre a Regina Coeli.  © RIPRODUZIONE RISERVATA