Roma, nasce il primo sky park italiano. Gualtieri: «La priorità per noi è andare dove c'è meno per rilanciare la città»

Il sindaco di Roma: "Tutti mi chiedono dello stadio di Roma e Lazio, ma è importante che nella nostra città ci siano impianti sportivi diffusi"

Nasce a Roma il primo Sky Park italiano. Gualtieri: «La priorità per noi è andare dove c'è meno per rilanciare la città»
Nasce a Roma il primo Sky Park italiano. Gualtieri: «La priorità per noi è andare dove c'è meno per rilanciare la città»
di Ida Di Grazia
4 Minuti di Lettura
Martedì 3 Maggio 2022, 13:43 - Ultimo aggiornamento: 14:08

E' stato presentato questa mattina a Roma il "Casilino Sky Park", Il primo sky park italiano realizzato sul tetto inutilizzato di un parcheggio multipiano. «La priorità per noi  - ha sottolineato il sindaco Roberto Gualtieri - è andare dove c'è bisogno per rilanciare la città».

 

Leggi anche > Nasce TG Kids, l'iniziativa di RaiNews24 e Rai Ragazzi

Oltre 3.800 metri quadrati, che ospiteranno campi sportivi, una palestra all’aperto, un’arena estiva, coworking e un’area ristoro: nasce oggi il Casilino Sky Park, il nuovo spazio di aggregazione per gli abitanti dei quartieri Alessandrino, Centocelle, Torre Maura e Torre Spaccata, in viale della Bella Villa 106 a Roma e aperto al pubblico dal 2 giugno.


Il primo sky park italiano, spiega agipronews, è stato realizzato sul tetto inutilizzato di un parcheggio multipiano, nello spazio ideato da Fusolab, Associazione di Promozione Sociale e Sportiva Dilettantistica con la curatela artistica di Mirko Pierri dell’associazione a.DNA - organizzazione che promuove street-urban artist da dodici anni - e con il sostegno di IGT, leader mondiale nel settore del gioco regolamentato e costantemente impegnata a sostenere la crescita delle comunità e del territorio in cui opera, investendo in progetti di sviluppo e di valorizzazione del patrimonio culturale, artistico e paesaggistico italiano, di riqualificazione del territorio, ma anche supportando i giovani che vivono in contesti difficili. Il Casilino Sky Park ha visto tra i protagonisti anche LifeGate, da oltre vent’anni punto di riferimento per lo sviluppo sostenibile, e IGD, cohost e proprietario dell’immobile.

«Questo progetto intreccia tanti elementi virtuosi, tante buone pratiche che vorremmo diffondere in questa città. Dimostra l'utilizzo intelligente di spazi altrimenti abbandonati, che possono essere messi a disposizione della comunità. Tutti mi chiedono dello stadio di Roma e Lazio, ma è importante che a Roma ci siano impianti sportivi diffusi- ha evidenziato nel suo intervento il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri - La priorità per noi è andare dove c'è meno, dove ci sono meno luoghi di cultura, per rilanciare Roma».


«Siamo fieri di aver finanziato quest’iniziativa: Sport e Salute sta investendo sui quartieri in tutta Italia - dallo Zen a Palermo a Ponticelli - ha disseminato l’Italia di progettualità, a sostegno dei territori - ha dichiarato Vito Cozzoli, presidente di Sport e Salute - Sono favorevole alle partnership pubblico-privato e alla possibilità per le aziende di investire nel sociale, a disposizione dei territori, a servizio delle comunità, soprattutto in questo periodo di ripartenza del paese»


«Il cuore pulsante di Igt viene da Roma - ha illustrato il Ceo di Igt Global Lottery, Fabio Cairoli- le radici sono qui e Roma ha sempre avuto grande spazio nei nostri progetti di responsabilità sociale. Oggi diamo un contributo di valorizzazione a forme di arte urbana, che crediamo siano importanti sul territorio. L’arena estiva ospiterà molti eventi, credo che sarà un punto molto importante per questa piazza, insieme a tutti gli spazi dedicati ai più giovani».

«La pandemia ci ha mostrato che dobbiamo lavorare sull'inclusione sociale, lavorare a progetti come questo - ha detto il vicepresidente della Regione Lazio, Daniele Leodori - che promuovono l'arte, lo sport e l'aggregazione, è fondamentale. Abbiamo finanziato 253 progetti tesi alla valorizzazione e al recupero di spazi pubblici in tutta la Regione Lazio. Oggi siamo qui per inaugurare qualcosa che guarda al futuro, che dimostra l'importanza di queste strutture e di questi progetti»

© RIPRODUZIONE RISERVATA