Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Morte Lorenzo Parelli, scontri a Roma tra studenti e polizia. «Feriti due ragazzi»

Il giovane friulano è deceduto nel suo ultimo giorno di stage dell'alternanza scuola-lavoro

Morte Lorenzo Parelli, scontri a Roma tra studenti e polizia: feriti due ragazzi
Morte Lorenzo Parelli, scontri a Roma tra studenti e polizia: feriti due ragazzi
2 Minuti di Lettura
Domenica 23 Gennaio 2022, 20:18 - Ultimo aggiornamento: 20:27

Centinaia di persone, per la maggior parte studenti, hanno gremito la piazza del Pantheon a Roma - presidiata dalle forze dell'ordine - dopo la morte di Lorenzo Parelli, lo studente friulano deceduto nel suo ultimo giorno di stage dell'alternanza scuola-lavoro. La manifestazione di protesta si è poi spostata davanti al ministero del'Istruzione. «Arrivati adesso sotto al Miur. Le responsabilità sono chiare, Ministro Bianchi devi prendere una posizione», si legge in un tweet di uno dei manifestanti. 

«Il presidio davanti al Pantheon di centinaia di studenti per protestare dopo la morte del diciottenne Lorenzo Parelli è stato caricato pesantemente dalla polizia. Due studenti feriti pesantemente alla testa colpiti dai manganelli. È questa la risposta del governo Draghi a ragazze e ragazzi indignati per la morte di un coetaneo. Nostri militanti sono in piazza con gli studenti e ci hanno comunicato cosa sta accadendo. Auspichiamo che la protesta si allarghi perché non si può morire di scuola e lavoro. Va abolita la legge che ha istituito l'alternanza scuola lavoro e previsto che la formazione professionale si possa fare lavorando gratis nelle aziende. Condanniamo le cariche ingiustificate e chiediamo che sia garantito il diritto costituzionale a manifestare». Così Maurizio Acerbo, segretario nazionale Partito della Rifondazione Comunista- Sinistra Europea.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA