L’Idi di Roma apre l’Ambulatorio della Memoria, servizio ambulatoriale rivolto ai pazienti affetti da deficit cognitivo

La visita specialistica e i test neuropsicologici possono essere prenotati al telefono o attraverso il sito internet

L'Idi di Roma
L'Idi di Roma
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 23 Febbraio 2022, 13:04

L’Idi di Roma aprirà l’Ambulatorio della Memoria, un servizio ambulatoriale rivolto ai pazienti affetti da deficit cognitivo.

Leggi anche > Elton John, paura in volo per un guasto al jet privato

L’Idi di Roma apre l’Ambulatorio della Memoria

L’Idi di Roma aprirà l’Ambulatorio della Memoria, un servizio ambulatoriale rivolto ai pazienti affetti da deficit cognitivo. La visita specialistica e i test neuropsicologici possono essere prenotati telefonando al numero unico di prenotazione IDI (CUP) 06.66464094 o attraverso il nuovo sito internet - www.idi.it: «A causa dell’invecchiamento della popolazione -  ha spiegato il Prof. Antonio Sgadari, responsabile del nuovo centro - le malattie neurodegenerative, e tra queste le diverse forme di demenza, sono divenute molto frequenti. La platea dei pazienti con deficit cognitivo include soggetti molto diversi: da quelli relativamente giovani (60 70 anni) con iniziali disturbi della memoria (Mild Cognitive Impairment) a quelli in età avanzata con demenza severa e associati, e spesso gravi, disturbi psicologici e del comportamento (allucinazioni, pensieri fissi, aggressività, delirio)».

E’ proprio a loro che è dedicato il nuovo servizio: «A questi pazienti abbiamo voluto dedicare una particolare attenzione – spiega la Dott.ssa Annarita Panebianco, Direttore Sanitario IDI IRCCS -  istituendo un servizio multidisciplinare che vedrà operare insieme geriatra, psicologo, neuroradiologo, riabilitatore cognitivo, logopedista, fisioterapista e nutrizionista. Questo servizio, conclude Panebianco, ha l’obiettivo primario di dare ai pazienti affetti da deficit cognitivo la possibilità di eseguire all’interno dell’IDI tutto quanto è necessario per un corretto inquadramento ed un adeguato follow-up clinico: valutazione specialistica, test neuropsicologici, esami di laboratorio e strumentali (RMN ed ecodoppler). Inoltre i pazienti e i loro familiari potranno contare su un adeguato supporto psicologico. Proprio ai parenti e ai care-giver saranno dedicati specifici corsi di supporto e aiuto nella gestione dei pazienti in cura presso il nostro ospedale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA