Pfizer, muore di trombosi 12 ore dopo il richiamo. Asur: «No prove di reazione avversa al vaccino»

Pfizer, muore di trombosi 12 ore dopo il richiamo. Asur: «No prove di reazione avversa al vaccino»
Pfizer, muore di trombosi 12 ore dopo il richiamo. Asur: «No prove di reazione avversa al vaccino»
3 Minuti di Lettura
Sabato 10 Aprile 2021, 17:05 - Ultimo aggiornamento: 18:59

SENIGALLIA  - Un altro caso di morte in Italia dopo una dose di vaccino, ma va sottolineato che al momento non è stata stabilita alcuna causa-effetto. Un anziano di 81 anni è morto di trombosi fulminante circa 12 ore dopo aver fatto la seconda dose del vaccino Pfizer. Stava bene, non aveva malattie pregresse. L’Asur, contattata al riguardo, fa sapere che non è assolutamente scontato che le due cose siano correlate e che al momento non c’è alcuna prova che si tratti di una reazione avversa.

Covid, torna negativo ma il cuore non regge: morto Francesco Cecchino Sorgentone

La famiglia potrebbe richiedere accertamenti ma non intende farlo. Il figlio ha pubblicato un post su Facebook ma senza polemiche. I familiari ora chiedono solo di poter vivere il lutto in silenzio. «Finalmente eri felice – ha scritto il figlio – avevi fatto le analisi dieci giorni fa, tutto ok a parte un po’ di colesterolo alto. Cuore a posto, camminavi ogni giorno sul lungomare di Senigallia, lontano dalle preoccupazioni e dai problemi del lavoro a cui hai dedicato tutta la vita».

Si godeva gli anni della pensione quindi. «Eri così contento di fare la seconda dose di Pfizer – prosegue il figlio – il più sicuro dei vaccini. La mattina alle 8.30 eri uno dei primi in fila. Dopo l’iniezione sei andato al porto per prendere un bel filetto di tonno da fare alla brace e dopo pranzo una passeggiata al sole, poi un thè e due biscottini, una settimana enigmistica nel giardino di quella casa che dopo 50 anni eri riuscito finalmente a ristrutturare». Tutto sembra fosse andato bene. A cena aveva mangiato una minestrina poi si era messo a guardare la televisione. Poi la situazione è precipitata.

Zona rossa in tutta la provincia di Palermo da domenica: «Aumento dei contagi e diffusione delle varianti»

«Maledetta quella trombosi fulminante – conclude il figlio – che ti ha lasciato tra le braccia della tua adorata moglie. Può succedere, eri anziano, certe cose non si possono prevedere e possono capitare a tutti. In Italia di Covid muoiono 300/500 persone al giorno e solo uno su mille accusa qualche problema a seguito del vaccino, è comunque il male minore per tutti. Mi ha detto il medico. Sarei anche stato d’accordo se quell’uno su mille non fosse stato mio padre».

Stefano Brando, il medico morto di Covid: i risultati dell'autopsia

© RIPRODUZIONE RISERVATA