Omicron, contagi in aumento: cosa potremo fare (e cosa no) a Natale e Capodanno, dai viaggi alle cene

Omicron, contagi in aumento: cosa potremo fare (e cosa no) a Natale e Capodanno, dai viaggi alle cene
Omicron, contagi in aumento: cosa potremo fare (e cosa no) a Natale e Capodanno, dai viaggi alle cene
di Mauro Evangelisti
3 Minuti di Lettura
Martedì 14 Dicembre 2021, 15:06 - Ultimo aggiornamento: 19:25

La buona notizia è che per Natale e Capodanno avremo molta più libertà di movimento e di andare a trovare i nostri cari rispetto allo stesso periodo del 2020. La cattiva è che dovremo continuare a mantenere alta la guardia. E una serie di attività saranno proibite a chi non è vaccinato. Rapido flash-back per ricordarci che rispetto a un anno fa le cose sono molte migliorate.

Omicron e Delta, Oms: «Tsunami di contagi nel mondo, i governi agiscano»

Omicron, due dosi Pfizer proteggono al 70% contro i casi gravi: lo studio dal Sudafrica

Cosa succedeva l'anno scorso

Nel 2020 furono previsti dieci giorni di zona rossa e quattro di zona arancione con coprifuoco alle 22: dal 24 dicembre al 6 gennaio.  Ci si poteva spostare solo una volta al giorno per andare a trovare i parenti e solo all'interno della stessa Regione. Per fortuna oggi la situazione a differente anche se incombe lo spettro di una crescita rapida della variante Omicron. Ad oggi però abbiamo solo tre regioni in zona giallo (unica limitazione le mascherine all'aperto obbligatorie), altre da qui a Natale se ne aggiungeranno ma difficilmente ve ne saranno in arancione o in rosso. Restano però le regole del Green pass: se un vostro familiare non è vaccinato o non ha superato l'infezione potrebbero esserci dei problemi.

 

Green pass e limitazioni

In sintesi:  in zona bianca e gialla la consumazione al banco e al tavolo (all'aperto) in bar e ristoranti è consentita senza green pass. In arancione, però queste attività sono consentite solo ai possessori di Super green pass. Al chiuso, la consumazione al tavolo è consentita solo a chi ha il Super green pass a prescindere dal colore della zona. Dunque al ristorante si va solo se vaccinati o guariti dall'infezione.  Per gli spostamenti non ci sono limitazioni, ma servirà il Green pass semplice per usare i mezzi di trasporto pubblico, dai bus ai tram, dagli aerei all'alta velocità. Se non si è vaccinati o guariti dal Covid, ogni 48 ore servirà un test antigenico. E attorno a Natale potrebbe non essere semplice ottenerlo. Infine, per le feste e le cene a casa, soprattutto se ci sono anziani e fragili, è consigliabile invitare solo persone vaccinate e, comunque, sottoporsi prudentemente tutti a un test antigenico il giorno prima.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA